Baselardo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Baselardo
Basilarda
Baselardo svizzero, XIV secolo
Baselardo svizzero, XIV secolo
Tipo Pugnale
Origine Europa
Produzione
Entrata in servizio XIV secolo
Ritiro dal servizio XVI secolo
Varianti Schweizerdolch
Descrizione

[senza fonte]

voci di armi presenti su Wikipedia

Il Baselardo (basilard, baslard, badelare, bazelaire, ecc. in Francese medio; baselardus, basolardus, ecc. in latino medievale; beseler, baseler, basler, pasler, baslermesser in Alto tedesco medio), anche Basilarda, è un'arma bianca manesca del tipo pugnale in uso in Europa nel corso del Medioevo. Si tratta del pugnale per antonomasia del periodo bassomedievale, in uso ai milites tanto quanto ai burgenses: un'arma solida, ottenuta da un unico pezzo d'acciaio sagomato in una lama con elsa annessa; il manico era spesso ottenuto girando del filo di ferro intorno al codolo.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il luogo di origine del baselardo, certamente la tipologia di pugnale più nota e rappresentativa del Medioevo è ad oggi ancora argomento di discussione. Un semplicistico approccio linguistico vorrebbe il vocabolo "baselardo" quale evoluzione medio-francese/latina della parola germanica "Basler Messer", "Coltello di Basilea", identificando nella Confederazione svizzera e più precisamente nell'importante centro di Basilea il luogo d'origine del pugnale. La tesi sarebbe dovuta all'esplicita menzione dei "basolardi di Basola (i.e. Basilea)" in una carta datata 1375 dell'archivio del mercante Francesco Datini (1335-1410).

Il baselardo scomparve dalle panoplie europee nel corso del XVI secolo.

Costruzione[modifica | modifica sorgente]

La caratteristica peculiare del baselardo è di essere ottenuto da un unico pezzo di metallo:

  • la lama è lunga, triangolare, assottigliantesi notevolmente presso la punta;
  • l'elsa sviluppa in soluzione di continuità dal codolo della lama ed ha forma di "H", con la guardia ed il pomolo in forma di due stanghette metalliche parallele. Il manico/codolo era spesso coperto da filo di ferro.

Varianti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]


Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Schneider, Hugo (1977), Der Schweizerdolch : Waffen- und kulturgeschichtliche Entwicklung mit vollständiger Dokumentation der bekannten Originale und Kopien, Zurigo, Orell Füssli, ISBN 3-280-00921-9.
  • Stone, George Cameron (1999) [e] LaRocca, Donald J., A glossary of the construction, decoration and use of arms and armor in all countries and in all times. Together with some closely related subjects, Mineola (NY), Courier Dover Publications, ISBN 0-486-40726-8.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]