Barylambda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Barilambda
Stato di conservazione: Fossile
Barylambda BW.jpg
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Infraclasse Eutheria
Superordine Laurasiatheria
(clade) Ferae
Ordine Cimolesta
Sottordine Pantodonta
Famiglia Barylambdidae
Genere Barylambda
Patterson, 1937
Specie
  • B. churchilli
  • B. faberi
  • B. jackwilsoni

Il barilambda (Barylambda faberi) è un mammifero estinto, vissuto nel Paleocene in Nordamerica.

Un "canguro - cavallo"[modifica | modifica sorgente]

Questo erbivoro primitivo è uno dei primi grandi mammiferi comparsi subito dopo l'era dei dinosauri. Il voluminoso corpo del barilambda, insieme alla coda robusta, raggiungeva i tre metri di lunghezza. La corvatura delle schiena e la forma della coda ricordavano, per certi versi, il corpo di un canguro o, ancora meglio, di un dinosauro, anche se la somiglianza era tutta esteriore. La testa massiccia e allungata assomigliava vagamente a quella di un cavallo, ed era munita di una quantità di denti robusti adatti a strappare e masticare fogliame duro. Le zampe posteriori erano allungate e possenti, mentre quelle anteriori erano visibilmente più corte, munite di artigli per strappare radici di cui forse si cibava.

Erbivori arcaici[modifica | modifica sorgente]

Il barilmabda era il più grande animale del suo ecosistema, e proabilmete le dimensioni bastavano a difenderlo dagli attacchi dei carnivori primitivi come Ankalagon. Il barilambda faceva parte di quel primitivo gruppo di mammiferi erbivori noti come pantodonti, diversificatisi nel Paleocene e vissuti fino all'Oligocene, il più noto dei quali è Coryphodon.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]