Barriera emato-retinica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

La barriera emato-retinica (BER), fa parte della barriera emato-oculare che consiste di cellule strettamente legate insieme per impedire a certe sostanze di entrare nel tessuto della retina.[1] È composta dai capillari non fenestrati della circolazione retinica e dalle giunzioni occludenti (dette anche tight junction) tra le cellule retiniche epiteliali che impediscono il passaggio di grandi molecole dai vasi coriocapillari nella retina. La barriera emato-retinica consiste di due componenti: l'endotelio dei vasi retinici e l'epitelio pigmentato retinico.[2] Vasi sanguigni retinici simili ai vasi sanguigni cerebrali mantengono la barriera emato-oculare interna. Questa barriera fisiologica consta di un singolo strato di cellule endoteliali non fenestrate, che hanno giunzioni occludenti. L'epitelio pigmentato mantiene la barriera emato-oculare esterna.[3]

La retinopatia diabetica, una lesione dell'occhio che si presenta frequentemente in conseguenza al diabete, è collegata al collasso della barriera emato-retinica.[4] La barriera si indebolisce in pazienti affetti da retinopatia diabetica, a causa dell'alterazione dell'equilibrio osmotico.[5]

Modelli animali hanno mostrato che la barriera emato-retinica diventa più permeabile alle sostanze in animali ipertesi (con un'alta pressione sanguigna), sempre a causa dell'alterazione dell'equilibrio osmotico.[6]


Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Biologyonline.org. Blood-retinal barrier. Presa lettura il 19 luglio 2007.
  2. ^ Vinores SA, Assessment of blood-retinal barrier integrity. in Histology and Histopathology, vol. 10, nº 1, 1995, pp. 141-154, PMID 7756735. Presa lettura il 19 luglio 2007.
  3. ^ Pardianto G et al., Blood-retinal-barrier in Mimbar Ilmiah Oftalmologi Indonesia, vol. 2, 2005, pp. 68-69.
  4. ^ Azza B. El-Remessy, Mohamed Al-Shabrawey, Yousuf Khalifa, Nai-Tse Tsai, Ruth B. Caldwell and Gregory I. Liou, Neuroprotective and Blood-Retinal Barrier-Preserving Effects of Caannabidiol in Experimental Diabetes in American Journal of Pathology, vol. 168, 2006, pp. 235-244.Presa lettura il 19 luglio 2007.
  5. ^ Lobo CL, Bernardes RC, and Cunha-Vaz JG, Alterations of the Blood-Retinal Barrier and Retinal Thickness in Preclinical Retinopathy in Subjects With Type 2 Diabetes in Archives in Ophthalmology, vol. 118, 2000, pp. 1364-1369..Presa lettura il 19 luglio 2007.
  6. ^ S Lightman, E Rechthand, C Latker, A Palestine and S Rapoport, Assessment of the permeability of the blood-retinal barrier in hypertensive rats in Hypertension, vol. 10, pp. 390-395.Presa lettura il 19 luglio 2007.
anatomia Portale Anatomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anatomia