Barrel of a Gun

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Barrel of a Gun
Artista Depeche Mode
Tipo album Singolo
Pubblicazione 3 febbraio 1997
Durata 5 min : 26 s
Album di provenienza Ultra
Genere Alternative dance
Dance rock
Etichetta Mute Records
Produttore Tim Simenon
Formati 12
Depeche Mode - cronologia
Singolo precedente
(1994)
Singolo successivo
(1997)

Barrel of a Gun è il primo singolo estratto dall'album Ultra dei Depeche Mode.

Il singolo esce in un momento di difficoltà del gruppo: Alan Wilder aveva abbandonato il gruppo 2 anni prima, mentre Andrew Fletcher era in depressione.

La canzone ha molte sonorità industrial, che la rendono la più cupa del gruppo. In Gran Bretagna e in Italia raggiunse la 4ª posizione nella classifica dei singoli più venduti, mentre negli Stati Uniti raggiunse l'11º posto.

Tracce[modifica | modifica sorgente]

Testi e musiche di Martin Lee Gore.

  1. Barrel of a Gun – 5:31
  2. Painkiller – 7:29
  3. Barrel of a Gun – 6:29
  4. Barrel of a Gun – 5:25

Video[modifica | modifica sorgente]

Il video della canzone è stato girato in Marocco, ancora una volta da Anton Corbijn e vede il gruppo in una casa decisamente in disordine, con carte moschicide a vista e sporcizia sul tavolo. Uno sconvolto Dave Gahan attraversa il locale in atmosfere al limite dell'onirico. Evidente è il richiamo allegorico allo stato di salute dello stesso frontman del gruppo, che aveva rischiato di morire appena qualche mese prima.

Nella seconda parte del video, l'unico ad essere "sveglio" nelle atmosfere distorte è Gahan, mentre Fletcher e Gore sono addormentati. Dave è visto con due bulbi disegnati sugli occhi e, fuori casa, continua a girarsi mentre cammina, credendosi inseguito da qualcosa. In seguito, il cappotto che indossa si ricopre di piccole luci (guanti compresi), mentre gli altri componenti del gruppo si riaddormentano appoggiati a Dave, con davanti un'incensiera.

Parecchi spezzoni del video compaiono in Martyr.

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica