Barnabotti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Patriziato veneziano.

Col nome di Barnabotti, a Venezia si indicava, verso la fine della Repubblica, il gruppo della nobiltà impoverita.

Si trattava di quei patrizi che, pur avendo perduto molte delle loro disponibilità economiche, continuavano di diritto a mantenere il seggio in seno al Maggior Consiglio, l'assemblea che reggeva le sorti della città e dello Stato. Tale condizione di nobiltà decaduta, ma ancora politicamente influente, rendeva i Barnabotti un gruppo in frequente contrasto con il restante corpo della nobiltà, ma al contempo, per la loro scarsità di mezzi economici, sensibili a fenomeni di compravendita dei voti.

Il nome Barnabotti deriva dall'uso di questi nobili di darsi ritrovo e dimorare nella zona di campo San Barnaba, dov'era attiva una nota casa da gioco, ancor oggi segnalata nella toponomastica come Casìn dei Nobili e dove le case avevano affitti molto meno onerosi essendo distanti dal centro.

Venezia Portale Venezia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Venezia