Barjik

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Barjik
Khagan Bek di Khazaria e dei Khazari
Principe di Khazaria
In carica 725?-731
6 anni
Nascita Itil, 690 ?
Morte 731

Barjik (Itil, 690 ? – 731) è stato un sovrano e un generale khazaro.

Fu principe dell'Impero di Khazaria dalla fine degli anni 720 fino alla data nella sua morte, collocabile storicamente e cronologicamente nel 731. Venne chiamato da molti storici musulmani, come Abū Jaʿfar Muḥammad b. Jarīr al-Ṭabarī, Il figlio del Khagan. Nonostante esistano alcune sommarie testimonianze, si sa solo che probabilmente la sua posizione sociale era quella di Principe e di Khagan Bek (in italiano corrispondente al cosiddetto Generalissimo).
Si pensa che la sua attività di sovrano fosse preceduta da una carriera militare che lo portò, nei primi anni dell'VIII secolo, a combattere alla guida delle truppe khazare nella Guerra arabo-khazara.

Essa vide contrapporre il Gran Khanato di Khazaria al Califfato omayyade di Damasco e annoverò tra i suoi fatti salienti la Battaglia di Marj Ardabil, vinta il 9 dicembre 730 da Barjik e dai suoi uomini, che in seguito occuparono e saccheggiarono la città di Ardabil.
Grazie a questa vittoria, il Khanato khazaro guadagnò prestigio per avere ucciso il generale arabo-musulmano Abū ʿUqba al-Jarrāḥ b. ʿAbd Allāh al-Ḥakamī e aver portato a Itil sul suo trono, come trofeo, la sua testa tagliata. Questi atti scatenarono però la furiosa reazione delle truppe omayyadi, che sconfissero i Khazari e uccisero il loro generale nella Battaglia di Mossul (731), svoltasi al di fuori delle mura dell'omonima città.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • David Wasserstein, "The Khazars and the World of Islam", in: The World of the Khazars, New Perspectives Selected Papers from the Jerusalem 1999 International Khazar Colloquium hosted by the Ben Zvi Institute, a cura di Peter B. Golden, Haggai Ben-Shammai e András Róna-as, pubblicato su: Handbook of Oriental Studies, Handbuch der Orientalistik Section Eight Central Asia, a cura di Denis Sinor e Nicola Di Cosmo, Leida, Brill, 2007, pp. 373-386 https://www.academia.edu/7675441/World_of_the_khazars pubblicato su Academia.org
Predecessore Khagan Bek di Khazaria e dei Khazari Successore
sconosciuto 725? - 731 sconosciuto