Barbarossa (film 2009)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Barbarossa
Barbarossa.png
Federico I Hohenstaufen detto il Barbarossa
Lingua originale Inglese
Paese di produzione Italia, Romania
Anno 2009
Durata 139'
Colore Colore
Audio Sonoro
Genere epico, drammatico, avventura, guerra, storico
Regia Renzo Martinelli
Soggetto Renzo Martinelli, Giorgio Schöttler
Sceneggiatura Renzo Martinelli, Giorgio Schöttler, Anna Samueli
Produttore Renzo Martinelli
Produttore esecutivo Riccardo Pintus, Vlad Paunescu
Casa di produzione Martinelli Film Company International, Castel Film Studios, Rai Cinema, Na-Comm, Ministero per i Beni e le Attività Culturali
Distribuzione (Italia) 01 Distribution
Fotografia Fabio Cianchetti
Montaggio Osvaldo Bargero
Musiche Pivio e Aldo De Scalzi
Scenografia Rossella Guarna
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Barbarossa è un film del 2009 diretto da Renzo Martinelli, uscito nelle sale italiane il 9 ottobre 2009 e liberamente tratto dal libro Federico Barbarossa e Beatrice di Borgogna. Re e regina d'Italia di Federico A. Rossi di Marignano[1].

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Italia, XII secolo. Il sogno di Federico I Barbarossa (Rutger Hauer) è quello di creare un impero universale, mediante il controllo politico sui Comuni italiani del Nord e sul Regno di Sicilia. Più volte l'imperatore scende in Italia per ripristinare la supremazia nei confronti delle mire autonomiste dei Comuni. In un'occasione l'imperatore tedesco viene fortunosamente salvato da un giovane ragazzo milanese figlio di fabbro, Alberto. Ma il Barbarossa passa alle vie di fatto, mandando l'esercito imperiale a compiere spedizioni punitive contro molte città alleate di Milano, e infine assedia Milano e il 10 marzo del 1162 la invade con le sue truppe, radendola al suolo. Nello scontro muoiono i due fratelli di Alberto, uno dei quali, Otto, è ucciso da Alberto medesimo in un tragico tentativo di difendere le mura di Milano.

Il giovane Alberto da Giussano (Raz Degan), accecato dalla rabbia, cercherà di vendicare i fratelli. Egli diventa così il condottiero della Compagnia della Morte, il protagonista della lotta contro il tiranno che i liberi comuni lombardi coalizzati nella Lega Lombarda hanno giurato di condurre; ed è anche lo stratega della vittoria nella battaglia di Legnano, durante la quale il gonfalone di Milano sventola trionfante sul Carroccio.

Nelle vicende belliche si intreccia l’amore di Alberto per Eleonora (Kasia Smutniak).

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film, incluse le spese per il lancio, è costato 12.000.000 Euro, di cui 1.600.000 Euro pubblici[2]. È stato coprodotto da Rai Trade (distributore nelle sale cinematografiche e della versione televisiva) e finanziato per il 60% da un consorzio di imprenditori privati[3].

È stato girato ad Alba Iulia, Bucarest e Hunedoara in Romania per motivi sia economici che logistici: se infatti il regista Renzo Martinelli ha affermato che «in Italia i costi sarebbero almeno triplicati»[4], va anche aggiunto che nell'area della storica battaglia di Legnano e comunque in Lombardia, è difficile trovare delle location per riprese, che necessitano di ampi spazi incontaminati in cui muovere centinaia o anche migliaia di comparse[4]. Sono state utilizzate ventimila comparse e 2500 cavalli fra frisoni e arabi[5].

Durante le fasi di preparazione è stato inoltre realizzato uno storyboard completo, ovvero il film è stato completamente disegnato[6]. In post produzione sono state trattate digitalmente circa 800 inquadrature e per la prima volta in Italia è stato utilizzato un sistema per la replicazione digitale della folla, conferendo alle scene di massa un maggiore realismo[7].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La prima si è tenuta il 2 ottobre 2009 al Castello Sforzesco di Milano, alla presenza di numerosi ospiti e personalità legate alla Lombardia e alla città di Milano tra cui Umberto Bossi, Silvio Berlusconi, Letizia Moratti, Roberto Formigoni, Ignazio La Russa, Roberto Maroni, Renato Pozzetto e Simona Ventura, mentre la distribuzione nelle sale è cominciata il 9 ottobre.

Presentato al Mipcom di Cannes in due versioni, una televisiva e una cinematografica, ha ricevuto accordi di distribuzione in Repubblica Ceca, Slovenia, Bulgaria nella versione televisiva e Russia nella versione cinematografica; l'Amministratore Delegato di Rai Trade Carlo Nardello ha affermato di aver preso contatti con distributori cinematografici e televisioni di Inghilterra, America Latina, Cina, Giappone e Stati Uniti.[8]

Il film è stato proiettato in 283 sale.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola è stata oggetto di numerose controversie per via dell'origine politica del progetto, promosso dalla Lega Nord[9][10][11]. Il film compare anche in una delle intercettazioni telefoniche del 2007 tra Silvio Berlusconi e Agostino Saccà[12], comparse in un'inchiesta per concorso in corruzione legata ad un giro di raccomandazioni e di finanziamenti, inchiesta poi archiviata dal giudice per le indagini preliminari poiché non è stato ravvisato alcun elemento di reato.[13]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola ha incassato al botteghino italiano la cifra di 835.469 Euro.[14] Considerati deludenti anche gli incassi del primo fine settimana[15].

Cameo[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ImolaOggi.it
  2. ^ Delibera della sottocommissione cinema - istanze presentate entro il 31 maggio 2008, Ministero per i Beni e le Attività Culturali. URL consultato il 28-12-2009.
  3. ^ Intervista a Renzo Martinelli, regista di Barbarossa Famiglia Cristiana, n°41 dell'11 ottobre 2009
  4. ^ a b News in Barbarossa: il film «leghista», corriere.it, 24 luglio 2008. URL consultato l'11-10-2009.
  5. ^ Dati tratti da "L'Espresso".
  6. ^ Note di regia del film "Barbarossa" cinemaitaliano.info
  7. ^ News in Nelle sale da venerdi "Barbarossa", l'atteso film di Martinelli, lastampa.it, 8 agosto 2009. URL consultato l'11-10-2009.
  8. ^ Cinema: 'Barbarossa' piace ai Russi, venduto in tutta l'ex Urss al Mipcom di Cannes. Libero, 3 ottobre 2009
  9. ^ Valerio Cappelli, Cécile Cassel rinnega «Barbarossa»: non sapevo nulla della Lega, la Repubblica, 29 settembre 2009. URL consultato il 3-12-2009.
  10. ^ Francesco Merlo, Bossi sul set di Barbarossa il ciak della fiction lottizzata, Corriere della Sera, 28 luglio 2008. URL consultato il 3-12-2009.
  11. ^ Michele Brambilla, L'anti-eroe del Senatùr diventa film, La Stampa, 2 ottobre 2009. URL consultato il 3-12-2009.
  12. ^ Pronto Silvio, sono Saccà
  13. ^ Raifiction, archiviato caso Berlusconi-Saccà, il gip decide se distruggere le intercettazioni repubblica.it, 20 aprile 2009
  14. ^ Barbarossa (2009) - Incassi e statistiche, movieplayer.it. URL consultato il 26-11-2009.
  15. ^ Io, regista del Barbarossa, mi difendo, ilgiornale.it, 13 ottobre 2009. URL consultato il 21-11-2009.
  16. ^ Barbarossa - Il fotogramma del cameo di Bossi

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema