Barbara Tuchman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Barbara Wertheim Tuchman (New York, 30 gennaio 1912Greenwich, 6 febbraio 1989) è stata una scrittrice, giornalista e storica statunitense. Autodidatta in discipline storiche, divenne famosa col suo libro I cannoni d'agosto, storia del preludio e dei primi mesi della prima guerra mondiale, per il quale vinse il prestigioso Premio Pulitzer.

Tuchman è stata un'autrice di libri storici a larga diffusione popolare; si occupò di periodi molto diversificati: dal Medioevo, al Rinascimento, fino ai tempi moderni, vendendo milioni di copie.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Tuchman era la figlia del banchiere Maurice Wertheim e nipote di Henry Morgenthau Sr., ambasciatore in Turchia sotto Woodrow Wilson. Si laureò al Radcliffe College nel 1933.

Sposò Lester R. Tuchman (n. 1904, m. 1997), internista e medico ricercatore, professore di medicina clinica al Mount Sinai School of Medicine, nel 1939, con cui ebbe tre figlie.[1]

Dal 1934 al 1935 la Tuchman lavorò come assistente ricercatrice allo Institute of Pacific Relations a New York e Tokyo, per poi iniziare una carriera da giornalista e infine divenire scrittrice a tempo pieno. Tuchman fu assistente editoriale del quotidiano The Nation e corrispondente americana del New Statesman a Londra, nella sezione orientale e nell'ufficio informazioni belliche (1934-45).

Fu amministratrice fiduciaria del Radcliffe College e insegnante alla Harvard University, alla University of California e al Collegio Navale (U.S. Naval War College).

La Legge di Tuchman[modifica | modifica sorgente]

(EN)
« The fact of being reported multiplies the apparent extent of any deplorable development by five- to tenfold. »
(IT)
« Il fatto di essere riportato moltiplica l'estensione apparente di qualsiasi andamento deplorevole da cinque a dieci volte »

I disastri raramente sono così pervasivi come vengono presentati nei resoconti riportati. Il fatto di essere registrati e diffusi li fanno sembrare continuativi e globali, mentre è più probabile che siano sporadici sia nel tempo che nello spazio. Inoltre, il persistere del normale è di solito più grande dell'effetto disturbante, come ben sappiamo dalla nostra esperienza attuale. Dopo aver assorbito le notizie del giorno, ci aspettiamo di affrontare un mondo pieno di scioperi, crimini, crisi energetiche, mancanza d'acqua, treni fermi, chiusura di scuole, scippi, drogati, neonazisti e stupratori. Il fatto è che uno se ne può tornare a casa la sera, in un giorno fortunato, senza esser incappato in più di uno o due di questi fenomeni.[2]

Premi[modifica | modifica sorgente]

Vinse due volte il Premio Pulitzer per la saggistica, prima con il celebre "I Cannoni di Agosto" (The Guns of August, 1962) nel 1963, e poi con Stilwell and the American Experience in China (1970) nel 1972. Nel 1980 il National Endowment for the Humanities, agenzia governativa che supporta ricerca ed educazione pubblica nel campo delle discipline umanistiche, selezionò la Tuchman per l'annuale conferenza Jefferson Lecture, considerata la maggiore onorificenza del governo federale Statunitense nel campo delle discipline umanistiche. the U.S. federal government's highest honor for achievement in the humanities. La conferenza della Tuchman era intitolata "Mankind's Better Moments (I Momenti Migliori Dell'Umanità)."[3]

Opere[modifica | modifica sorgente]

  • The Lost British Policy: Gran Bretagna e Spagna dal 1700. Libro sulla politica britannica in Spagna e nel Mediterraneo occidentale (1938).
  • Bible and Sword: England and Palestine from the Bronze Age to Balfour: opera sul coinvolgimento britannico in Palestina nel corso dei secoli (1956)
  • The Zimmermann Telegram: Il telegramma Zimmermann nel 1917 fu un incidente chiave che coinvolse la Germania ed il Messico e che contribuì a far entrare gli Stati Uniti nella prima guerra mondiale (1958)
  • The Guns of August: descrive le decisioni e azioni militari che portarono alla prima guerra mondiale, inclusi i primi mesi del conflitto. Questa opera la rese nota internazionalmente. John F. Kennedy consigliò al Comitato Esecutivo del National Security Council di leggere questo libro durante i 13 giorni della crisi dei missili di Cuba (1962)
  • The Proud Tower: A Portrait of the World Before the War, 1890-1914. Copre il periodo dell'esitante ascesa dell'imperialismo statunitense, gli assassinii anarchici, il socialismo e comunismo e l'ordine degli stati europei e nordamericani nel XIX secolo (1966)
  • Stilwell and the American Experience in China, biografia di Joseph Stilwell (1970)
  • Notes from China (Note dalla Cina), un viaggio in Cina (1972)
  • A Distant Mirror: The Calamitous Fourteenth Century, paralleli e contrasti storici tra il XIV secolo e l'Europa moderna (1978)
  • Practicing History: antologia di saggi, originalmente pubblicati tra il 1935 e 1981, sulla storiografia e sull'importanza della lettura storica (1981)
  • The March of Folly: From Troy to Vietnam: Meditazione sui ricorsi storici di governi che seguono politiche chiaramente contrarie ai loro interessi. Si focalizza su Troia, i papi rinascimentali che provocarono il Protestantesimo, le politiche della Gran Bretagna che portarono alla perdita delle colonie americane, e l'operato statunitense durante la Guerra del Vietnam (1984)
  • The First Salute: Prospettive sulla Rivoluzione Americana (1988) (il titolo si riferisce al famoso incidente della bandiera di Sint Eustatius del 16 novembre 1778.)

Bibliografia italiana[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ New York Times: "Lester Tuchman morto a 93 anni"
  2. ^ Tuchman, Barbara A Distant Mirror: The Calamitous 14th Century Alfred A. Knopf New York 1978 ISBN 0-394-40026-7
  3. ^ Jefferson Lecturers al sito della NEH (retrieved January 22, 2009).

Citazioni[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 64012591 LCCN: n79148942