Barbara Tabita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Barbara Tabita (Augusta, 13 febbraio 1975) è un'attrice italiana di teatro, cinema e televisione.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata ad Augusta (SR) nel 1975, ha studiato recitazione frequentando la Scuola del Teatro Stabile di Catania. Inoltre ha perfezionato lo studio, partecipando a diversi laboratori e stages.

Dopo aver debuttato in teatro, dove vanta un ricco curriculum, nel 2002 esordisce sul grande schermo con il film Come se fosse amore, regia di Roberto Burchielli, a cui fanno seguito, tra l'altro: Sara May, regia di Marianna Sciveres, dove è coprotagonista nel ruolo di Dora, Ti amo in tutte le lingue del mondo, regia di Leonardo Pieraccioni, in cui ha il ruolo dell'ex moglie dello stesso Pieraccioni, Il 7 e l'8, in cui è tra i protagonisti nel ruolo della fidanzata di Picone, e Io & Marilyn, in cui è nuovamente la moglie di Pieraccioni.

Fa parte del cast del film "La mafia uccide solo d'estate" 2013.

Tra i suoi lavori televisivi, ricordiamo: Il commissario Montalbano - Il gioco delle tre carte, regia di Alberto Sironi, la serie tv La nuova squadra e la soap opera Agrodolce, quest'ultimi due in onda su Rai 3. Nel 2010 appare su Canale 5 come protagonista femminile della serie tv I Cesaroni 4, nel ruolo di Olga. Nello stesso anno interpreta in Natale in Sudafrica di Neri Parenti il ruolo di Susanna, moglie di Carlo (Christian De Sica). Nel 2014 partecipa alla serie televisiva Fuoriclasse. Nel 2015 è una dei protagonisti della pellicola Italo, il film, tratto da una storia vera, narra di un cane straordinario che ottenne la cittadinanza onoraria di Scicli, il paese siciliano in cui viveva.[1] Partecipa nel 2015 interpretando Sharon, la vicina di pianerottolo del protagonista nel film "Italiano Medio" di Maccio Capatonda.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Marco Bocci al cinema con “Italo”, il cane adottato dalla Sicilia. URL consultato il 22 gennaio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]