Bantry

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la località degli Stati Uniti, vedi Bantry (Dakota del Nord).
Bantry
località
(GA) Beanntraí
La Baia di Bantry, su cui s'affaccia il centro abitato, e la Bantry House poco a sud ovest
La Baia di Bantry, su cui s'affaccia il centro abitato, e la Bantry House poco a sud ovest
Dati amministrativi
Stato Irlanda Irlanda
Provincia Flag of Munster.svg Munster
Contea Corkcococrest.png Cork
Territorio
Coordinate 51°40′47.26″N 9°27′11.59″W / 51.679794°N 9.45322°W51.679794; -9.45322 (Bantry)Coordinate: 51°40′47.26″N 9°27′11.59″W / 51.679794°N 9.45322°W51.679794; -9.45322 (Bantry)
Superficie 10,00[1] km²
Abitanti 3 348[2] (2011)
Densità 334,8 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orario UTC+0
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Irlanda
Bantry
[www.bantry.ie Sito istituzionale]
Scultura di San Brendano
Scultura di Theobald Wolfe Tone

Bantry (Beanntraí[3] in irlandese) è un centro abitato della costa occidentale della Contea di Cork, in Irlanda, situato sulla strada N71 nella parte più interna dell'omonima Baia di Bantry, delimitata a Nord dalla penisola di Beara e dallo Sheep's Head a sud.

La Bantry House, dimora sin dal 1739 della famiglia White, anticamente Conti di Bantry, è situata poco a sud dell'abitato. Si tratta di una villa neo-classica con un ampio parco, situata in posizione dominante sull'intera baia.

Bantry è una località economicamente piuttosto importante per la regione. È un centro di mercato e di turismo (soprattutto grazie alla sua posizione intermedia tra Cork e la contea del Kerry) e anche la pesca ha un ruolo significativo: i mitili sono il prodotto tipico dell'area, al punto che ogni maggio si tiene una festa ad essi dedicata. A Bantry c'è anche una significativa attività associazionistica e commerciale nel campo del commercio equo e solidale e delle coltivazioni biologiche.

Come molte altre zone della costa sud-occidentale irlandese, Bantry reclama un'antica connessione con una figura religiosa molto importante del VI secolo, Breandán (Naomh Bréanainn) il Navigatore. Nelle tradizioni irlandesi San Breandán fu la prima persona a scoprire l'America.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La placca commemorativa della Guerra d'indipendenza

Wolfe Tone Square, la piazza principale del paese, commemora Theobald Wolfe Tone, figura di spicco dell'indipendentismo irlandese del XVIII secolo che cercò di ribaltare il dominio inglese con un'alleanza francese (Vedere Ribellione del 1798). La sciagurata invasione francese arrivò proprio a Bantry nel 1796.

Durante la Guerra d'indipendenza irlandese la 5ª brigada di Cork dell'Irish Republican Army fu molto attiva a Bantry, e coloro che morirono tra il 1920 e il 1923 a difesa della Repubblica ('In Defence of the Republic') sono elencati in una targa in Wolfe Tone Square.

Poco a largo della costa, c'è Whiddy Island, su cui si trovano ancora i resti di quella che era in passato un importante terminale per petrolifero, gestito dalla Gulf Oil. L'8 gennaio 1979 la cisterna Betelgeuse esplose, uccidendo tutte e 42 le persone a bordo, oltre che 7 impiegati del terminale. Seppur danneggiandoli seriamente, fortunatamente l'esplosione della cisterna non investì direttamente i depositi di carburante sull'isola. In seguito all'incidente 250 impiegati del terminale, una delle maggiori imprese della regione, persero il loro lavoro e a causa delle pesanti ripercussioni ambientali ci furono conseguenze negative anche sull'industria della pesca.

Personalità[modifica | modifica sorgente]

Mulino della biblioteca, nel centro di Bantry
Ancora della flotta francese del 1796, ritrovata nel 1980 poco a largo di Whiddy island, nella Baia di Bantry


Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Censimento 2011: volume 1, tabella 7. (in inglese)
  2. ^ Censimento 2011: volume 1, tabella 7. (in inglese)
  3. ^ Placenames Database of Ireland. (in inglese)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Bantry in Olden Days: Richard S. Harrison (Published by Author)
  • J. Kevin Hourihane, Town Growth in West Cork: Bantry 1600-1900 in JCHAS (1977), LXXXii, no 236, 83-97.
  • Wild Gardens The Lost Demesnes of Bantry Bay Nigel Everett Hafod Press.
  • An Irish Arcadia The Historic Gardens of Bantry House Nigel Everett, Hafod Press 1999 ISBN 0-9535995-0-7
  • What the doctor ordered, a third Bantry anthology, compiled by Denis Cotter, Pooky Paw Press Bantry, 2000.
  • Speaking Volumes, Edith Newman Devlin, Blackstaff Press 2000 ISBN 0-85640-672-4,Bantry in early 1920s.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Irlanda Portale Irlanda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Irlanda