Flauto indiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Bansuri)
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Flauto indiano
Bansuri bamboo flute 23inch.jpg
Informazioni generali
Origine India
Classificazione Aerofoni labiali
Famiglia Flauti traversi
Utilizzo
Musica dell'Asia Meridionale

Il flauto indiano (o flauto di bambù o bansuri) è un tipo di flauto traverso, uno dei più antichi strumenti musicali della musica classica indiana: sembra che sia stato sviluppato in modo indipendente rispetto ai flauti occidentali. Si dice che la divinità induista Krishna sia un maestro dello strumento, così come Gaṇeśa la divinità con la testa di elefante, spesso raffigurata nell'atto di suonare un flauto.

I flauti indiani sono strumenti molto semplici se paragonati ai moderni flauti occidentali da concerto; essi vengono fabbricati con canne di bambù e sono senza chiavi. Le tonalità del flauto indiano sono fissate e nella musica carnatica sono indicate da numeri quali 3 1/2, 4, 5 e così via, contando verso l'alto a partire dal Do, che è indicato come 1. In ogni caso la tonalità delle composizioni stesse non è fissa e quindi qualunque flauto può essere usata in una determinata composizione, se gli strumenti 'accompagnamento sono accordati in maniera appropriata e la scelta della tonalità è lasciata in gran parte alle preferenze dell'esecutore.

La tecnica esecutiva prevede un'impostazione diversa da quella del flauto traverso dell'orchestra occidentale, in quanto sono le falangi delle dita a turare i fori e non i polpastrelli. Questa tecnica d'impugnatura consente al musicista di poter chiudere i fori con estrema agilità e precisione consentendogli di creare effetti di glissato e porzioni di tono anche minimali, effetti altrimenti scomodi da ottenere con l'impostazione occidentale.

Attualmente vengono usati due principali varianti dei flauti indiani. Il primo è il Bansuri, il quale ha sei fori per le dita e un foro per il suono. Il Bansuri viene suonato principalmente nella musica indostana, la musica del nord dell'India. Il secondo principale strumento è, invece, il Pulanguzhal, il quale ha otto fori per le dita, è viene principalmente usato nella musica carnatica, la musica del sud dell'India. Il flauto del sud dell'india, fino all'inizio del XX secolo, quando Sharaba Shastri della scuola di Palladam introdusse l'ottavo foro e l'attuale diteggiatura.

Le qualità sonore del flauto indiano sono determinate dal tipo di bambù utilizzato: si ritiene che quello della regione del Nagarcoil, nell'India meridionale, sia il migliore.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica