Banlieue 13 Ultimatum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Banlieue 13 Ultimatum
Banlieue 13 Ultimatum.jpg
Leïto salta da un palazzo all'altro
Lingua originale Francese
Paese di produzione Francia
Anno 2009
Durata 96 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2.35:1
Genere azione
Regia Patrick Alessandrin
Soggetto Luc Besson
Sceneggiatura Luc Besson
Produttore Luc Besson
Produttore esecutivo Luc Besson
Casa di produzione EuropaCorp
Distribuzione (Italia) Novembre 2011
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Banlieue 13 Ultimatum è un film del 2009 diretto da Patrick Alessandrin.

Seguito di Banlieue 13 del 2004 e prodotto da Luc Besson, è conosciuto anche come District 13 Ultimatum nella versione in lingua inglese[1].

Trama[modifica | modifica sorgente]

Tre anni dopo gli eventi narrati in Banlieue 13, la pace nel riottoso e autogestito distretto 13 è ancora sfuggente. Le autorità non hanno mantenuto la promessa di distruggere il muro e riaprire il quartiere, lasciando recintati come in un ghetto tutti gli abitanti della Banlieue, che dopo la morte del boss Taha Bemamud, si sono divisi in cinque fazioni. Damien e Leïto tornano nel quartiere per cercare di fermarne l'imminente distruzione per ordine dello stesso Presidente della Repubblica, manipolato da Walter Gassman, capo delle forze speciali DISS.

Il film è stato trasmesso per la prima volta in versione italiana su Rai4 nel novembre 2011, andando in onda anche in replica per più serate.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ IMDb

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema