Bandiera della Cina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
中華人民共和國国旗
中華人民共和國国旗
Soprannome 五星红旗
Proporzioni 2:3
Simbolo FIAV Simbolo vessillologico
Colori RGB

██ (R:222 G:41 B:16)

██ (R:255 G:222 B:0)

Uso Bandiera civile e di stato
Tipologia nazionale
Adozione 27 settembre 1949
Nazione Cina
Altre bandiere ufficiali
Bandiera dell'esercito Popolare di Liberazione bandiera Bandiera dell'esercito Popolare di Liberazione Simbolo vessillologico
Bandiera navale militare bandiera Bandiera navale militare Bandiera navale militare
Bandiera dell'aviazione militare bandiera Bandiera dell'aviazione militare Simbolo vessillologico
Bandiera dell'esercito bandiera Bandiera dell'esercito Bandiera di guerra
Fotografia
Chinese flag (Beijing) - IMG 1104.jpg

La bandiera della Repubblica popolare cinese, la "Bandiera rossa a cinque stelle" (五星红旗 in pinyin: wǔ xīng hóng qí) venne disegnata da Zeng Liansong (曾联松 zēng lián sòng), un economista di professione e un talentuoso artista che risiedeva a Ruian (瑞安 rùi ān), nello Zhejiang. Disegnò la bandiera in risposta a una circolare distribuita dalla Conferenza Politica Consultiva del Popolo Cinese (CPCPC) nel luglio del 1949, poco dopo che essa prese il potere. Dopo che più di 3.000 proposte vennero ricevute, il disegno di Zeng venne scelto, dopo essere stato nominato come uno dei 38 finalisti. Mao Zedong in persona issò la prima di queste bandiere su un'asta che sovrastava Piazza Tiananmen, il giorno in cui venne mostrata per la prima volta.

Simbologia[modifica | modifica sorgente]

Il disegno incorpora alcuni dei ben noti simboli del comunismo: lo sfondo rosso e il giallo brillante per le stelle. La stella più grande simboleggia la guida del Partito Comunista Cinese. L'interpretazione popolare vuole che le quattro stelle più piccole rappresentino le quattro classi sociali: gli operai, i contadini, gli studenti e i soldati, ma questa resta comunque un'interpretazione.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il disegno subì numerosi cambiamenti e venne approvato dal CPCPC il 27 settembre 1949, durante la sua prima sessione plenaria. Il disegno originale prevedeva varie differenze rispetto alla bandiera odierna. Originariamente la bandiera aveva una falce e martello dipinte all'interno della stella più grande (rappresentante l'unità e la forza combinata del governo e del popolo ed ovviamente il simbolo comunista per eccellenza), e alcune strisce gialle orizzontali sotto le stelle (rappresentanti l'etnia Han, maggioritaria in Cina, e forse il Fiume Giallo). Queste idee, comunque, vennero abbandonate in favore di un disegno più semplice ed essenziale.

Bandiere storiche[modifica | modifica sorgente]

Bandiere proposte[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]