Bandiera dell'Estonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eesti Lipp
Eesti Lipp
Soprannome Sinimustvalge
Proporzioni 7:11
Simbolo FIAV Simbolo vessillologico
Colori Pantone

██ 285 C

██ Nero

██ Safe

RGB

██ (R:72 G:145 B:217)

██ (R:0 G:0 B:0)

██ (R:255 G:255 B:255)

Uso Bandiera civile e di stato
Tipologia nazionale
Adozione 1918, 1990
Nazione Estonia
Altre bandiere ufficiali
Stendardo Presidenziale bandiera Stendardo Presidenziale
Insegna navale bandiera Insegna navale Bandiera navale militare Bandiera normale o bandiera di diritto
Bompresso bandiera Bompresso Simbolo vessillologico Bandiera normale o bandiera di diritto
Fotografia
Estonia-bandera.jpg

La bandiera estone è composta da tre bande orizzontali di uguale dimensione.

I colori, partendo dall'alto sono: blu, nero e bianco. È conosciuta come Sinimustvalge, in lingua estone, che significa "blu-nero-bianco".

Dimensioni e colori[modifica | modifica wikitesto]

La dimensione normale è 1,05 m × 1,65 m.

Le iniziali interpretazioni dei colori sono le seguenti:

  • Il blu è il colore del cielo, i laghi e il mare d'Estonia e simboleggia la lealtà alle idee nazionaliste;
  • Il nero è il colore della terra patria e dello stemma nazionale;
  • Il bianco è il colore del popolo che cerca la felicità e la luce.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque come la bandiera dell'Associazione universitaria degli studenti estoni all'università di Tartu e venne consacrata nella sala pastorale di Otepää il 4 giugno 1884. Venne successivamente associata al nazionalismo estone e fu usata come bandiera nazionale quando l'Estonia divenne indipendente il 24 febbraio 1918, con l'adozione de jure avvenuta il 21 novembre 1918.

L'invasione da parte dell'Unione Sovietica, nel giugno 1940, portò al bando della bandiera. Portare un qualsiasi abbinamento del tricolore estone viene considerato un crimine, anche nei soli calzini. Venne ammainata dal Pikk Hermann il 21 giugno 1940 quando l'Estonia era,formalmente, ancora indipendente. Il 22 giugno, venne esposta assieme alla bandiera rossa, e scomparve definitivamente il 27 luglio.

Durante l'occupazione tedesca (1941-1944) la bandiera fu accettata come bandiera del popolo estone ma non come bandiera nazionale. Quando i tedeschi se ne andarono nel settembre 1944, la bandiera estone venne riesposta. Il 22 settembre la bandiera rossa le venne ancora una volta affiancata, e ben presto la bandiera blu-nero-bianca scomparve di nuovo.

La bandiera rimase nascosta durante gli anni dell'occupazione straniera sovietica fino ai giorni della perestrojka nei tardi anni ottanta quando, il 24 febbraio 1989 sventolò di nuovo dal Pikk Hermann, a Tallinn. Venne riadottata come bandiera nazionale il 7 agosto 1990, poco dopo che l'Estonia ebbe riavuto la sua piena indipendenza.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]