Bandiera del Veneto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La bandiera del Veneto
« Il gonfalone della Regione di cui al bozzetto allegato B) che forma parte integrante della presente legge è di colore rosso pompeiano; esso presenta al centro lo stemma di cui all’articolo precedente e termina con sette fiamme, che portano ciascuna, nella parte mediana lo stemma di una delle città capoluogo di provincia della Regione.

La bandiera è costituita dagli stessi elementi di cui al comma precedente con lo stemma ruotato di 90 gradi. All’innesto del puntale sull’asta del gonfalone e della bandiera è annodato un nastro tricolore, verde, bianco, rosso. »

(L.R. 20 maggio 1975, n. 56)

La bandiera del Veneto prende spunto dalla bandiera della Repubblica di Venezia, è stata adottata con la L.R. 20 maggio 1975, n. 56 e modificata con la L.R. del 22 febbraio 1999 che ha cancellato la scritta "Regione del Veneto". La bandiera contiene un'immagine che rappresenta:

  • il Leone di san Marco con il solo libro aperto che è ritenuto simbolo della sovranità dello Stato

Il Veneto, regione che si estende dal mare ai monti è rappresentato da:

Al battente ci sono sette code che rappresentano i capoluoghi di provincia del Veneto in ordine alfabetico dal basso verso l'alto:

Queste code possono essere unite o libere, secondo la tradizione delle vecchia bandiera della Serenissima.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bandiera del Veneto

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]