Bandiera del Belgio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vlag van België
Drapeau de la Belgique
Vlag van BelgiëDrapeau de la Belgique
Proporzioni 13:15
Simbolo FIAV Bandiera di stato e di guerra
Colori Pantone

██ Nero

██ Pantone yellow 115

██ Pantone red 02

[1] RGB

██ (R:0 G:0 B:0)

██ (R:255 G:233 B:54)

██ (R:255 G:15 B:33)

Uso Bandiera di Stato
Tipologia nazionale
Adozione 23 gennaio 1831
Nazione Belgio
Altre bandiere ufficiali
Navale bandiera navale
Bompresso bandiera di bompresso
Reale bandiera reale
Governativa bandiera governativa
Civile bandiera civile
Fotografia
Belgian Flag (5089051595).jpg

La bandiera del Belgio è caratterizzata da un classico tricolore.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Prevede tre bande verticali di eguali dimensioni. Partendo dall'asta i colori sono: nero, giallo e rosso.

Le sue proporzioni inusuali (13:15) sono di origine sconosciuta.

La bandiera civile (2:3) ha le proporzioni molto più simili invece al tricolore francese.

Origine[modifica | modifica sorgente]

Il disegno verticale è basato sulla bandiera francese, mentre i colori sono stati presi da quelli del Ducato di Brabante. La bandiera venne creata a Bruxelles da Édouard Ducpétiaux e Lucien Jottrand nell'agosto 1830[2] e adottata il 30 settembre, poco dopo l'ottenuta indipendenza dei Belgi dai Paesi Bassi. La bandiera ha giocato un ruolo importante durante le rivolte, dove i colori servivano come ricordo di una vecchia bandiera con bande orizzontali usata durante i precedenti moti del 1789.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (FR) Noble Belgique, ô Mère chérie - LE PROTOCOLE EN BELGIQUE. Van den Bussche, E.
  2. ^ Anne Morelli, La construction des symboles « patriotiques » de la Belgique, de ses régions et communautés, in Les grands mythes de l’histoire de Belgique, de Flandre et de Wallonie, Evo-histoire, Bruxelles.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

vessillologia Portale Vessillologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di vessillologia