Bandiera degli australiani aborigeni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La bandiera
La bandiera sventola all'Old Parliament House di Canberra

La bandiera degli australiani aborigeni è stata disegnata nel 1971 dall'artista di etnia luritja Harold Thomas come simbolo del movimento per il diritto alla terra degli aborigeni. Il 14 luglio 1995 è stata riconosciuta dal governo come "una bandiera dell'Australia".

La metà superiore nera rappresenta il colore scuro della pelle degli australiani aborigeni, la metà inferiore rossa la terra su cui camminano e il cerchio giallo al centro il sole[1].

Storia[modifica | modifica sorgente]

Fu esposta per la prima volta durante il Giorno Nazionale Aborigeno a Adelaide il 12 luglio 1971. Era stata già usata a Canberra nella Tenda dell'ambasciata aborigena nel 1972. In precedenza durante l'anno furono usate altre versioni della bandiera, compresa una nera verde e rossa fatta dai sostenitori di Sydney. Cathy Freeman creò un'enorme polemica durante i Giochi del Commonwealth del 1994 sventolando la bandiera Aborigena insieme alla bandiera Australiana durante il suo giro d'onore dopo aver vinto i 400 metri piani. Normalmente viene così salutata solamente la bandiera nazionale.

La decisione di renderla bandiera nazionale fu presa dal primo ministro Paul Keating, ma l'opposizione liberale contestò la decisione e il 4 luglio 1995 John Howard rilascia una dichiarazione dove dichiara che ogni tentativo di renderla bandiera nazionale non era un tentativo di riconciliazione bensì di divisione[2]. Tuttavia nel 1996 Howard ha assunto l'incarico di primo ministro e la bandiera è rimasta nazionale.

Nel 1997 la Corte Federale Australiana dichiara che Harold Thomas è il detentore del copyright sulla progettazione della bandiera.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ It's an Honour - Symbols - Other Australian Flags
  2. ^ Dalla dichiarazione fatta il 4 luglio 1995 dal capo dell'opposizione John Howard citata nel sito web delle bandiere del mondo.
vessillologia Portale Vessillologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di vessillologia