Bandiera bretone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Drapeau de la Bretagne
Banniel Breizh
Drapeau de la BretagneBanniel Breizh
Soprannome Gwenn-ha-du
Proporzioni variabili (da 9:14 cm a 8:12 m)
Simbolo FIAV Bandiera di fatto
Tipologia ufficiale regionale
Adozione 1997
(creazione nel 1923)
Ente Regione Bretagna
Fotografia
Gwenn ha du.jpg

La Gwenn-ha-du, che significa bianco e nero in bretone, è la bandiera della Bretagna. Il vessillo è spesso sventolato non ufficialmente nel dipartimento della Loira Atlantica, sebbene questa sia amministrativamente parte della regione dei Paesi della Loira e non della Bretagna: ciò è dovuto al fatto che il territorio del dipartimento era storicamente parte della provincia antica della Bretagna, così come Nantes era una volta una delle due capitali della Bretagna.

La sua blasonatura è Di nero, fasciato di quattro d'Argento; il cantone d'armellino.

Dimensioni, proporzioni ed uso[modifica | modifica sorgente]

Le dimensioni e proporzioni della bandiera non sono fissate e possono variare da 9:14 cm fino ad 8:12 m.

La bandiera è non solo usata da associazioni culturali ed autonomisti, ma dalla popolazione bretone in genere. Per anni, le autorità francesi considerarono la bandiera come un simbolo separatista, ma oggi l'orientamento è cambiato e la bandiera non ha più connotati politici, può apparire ovunque, persino su uffici pubblici insieme alla bandiera nazionale ed altre bandiere ufficiali. La bandiera è molto diffusa in Bretagna e può essere osservata in numerosi municipi della regione, oltre che su imbarcazioni di vario genere non essendo presente in Francia una regolamentazione delle bandiere regionali. Il disegno d'armellino è a volte spostato in altre parti della bandiera, ma la versione più diffusa lo mostra nel cantone.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Storicamente le popolazioni bretoni utilizzarono per circa tre secoli la Kroaz Du, una bandiera bianca con croce nera. Poco si sa di questa bandiera storica, a parte il suo utilizzo e alcune varianti. Successivamente fu rimpiazzata dal semplice stemma con l'ermellino.

La bandiera attuale fu creata nel 1923 da Morvan Marchal (1900-1963, membro di svariate organizzazioni politiche e culturali), con un ermellino nel cantone tradizionale (la bandiera ufficiale odierna ha una variante stilizzata moderna).

La bandiera incontrò il grande pubblico due anni dopo, alla Exposition Internationale des Arts Décoratifs et Industriels Modernes di Parigi del 1925. Fu presto adottata da numerosi gruppi culturali e nazionalisti diffondendosi tra gli anni venti e trenta, ma la sua adesione si interruppe durante la seconda guerra mondiale per l'uso sempre più politicizzato che ne veniva fatto. L'interesse riprese negli anni sessanta, quando perse definitivamente connotati separatisti e divenne un simbolo accettato in tutta la Bretagna e da tutti i bretoni. Le antiche bandiere bretoni, tuttavia, vengono talvolta preferiti da individuali e alcuni gruppi.

Altre bandiere precedenti e correlate:

Simbologia[modifica | modifica sorgente]

Marchal prese come ispirazione lo stemma di Rennes e di altri comuni bretoni, inserendolo nel cantone per richiamare la bandiera statunitense e quella greca.

Le nove strisce orizzontali nel loro insieme rappresentano le diocesi tradizionali della Bretagna, secondo le quali era diviso l'antico ducato. Tra queste, le cinque strisce nere rappresentano le diocesi di comunità di lingua francese o galla di Dol, Nantes, Rennes, Saint-Malo e Saint-Brieuc, mentre le quattro bianche rappresentano le diocesi di lingua bretone di Trégor, Léon, Cornouaille e Vannes. L'armellino nel cantone richiama il Ducato di Bretagna e il suo stemma tradizionale.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Alcuni bretoni affermano che la Gwenn-ha-du è l'unica bandiera al mondo senza colori; l'affermazione non è corretta dato che molte altre bandiere portano gli stessi colori, come ad esempio:
  • Sembrerebbe invece vero che è l'unica bandiera ad essere portata in parata ad altezza del braccio sopra la testa.
  • La bandiera storica Kroaz Du è l'esatto contrario della Bandiera di San Piran, ovvero della Bandiera della Cornovaglia

Argomenti correlati[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • Sito del Bannieloù Breizh, associazione vessillologica ed araldica bretone (in inglese) [1]
  • Gwenn ha du, un sito per scoprire la bandiera bretone (in francese) [2]
vessillologia Portale Vessillologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di vessillologia