Banco Desio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Banco di Desio e della Brianza Spa
Stato Italia Italia
Tipo Società per azioni
Borse valori Borsa di Milano (Borsa Italiana: BDB

)

Fondazione 1909 a Desio
Fondata da Egidio Gavazzi
Sede principale Desio (MB)
Gruppo Banco Desio Spa, Banco Desio Lazio, Banco Desio Toscana
Persone chiave Agostino Gavazzi (P), Stefano Lado (VP),Tommaso Cartone (AD), Luciano Colombini (DG)
Settore Finanziario
Prodotti servizi bancari
Sito web www.bancodesio.it

Il Banco di Desio e della Brianza S.p.A. è un istituto di credito italiano con sede a Desio (MB). Ha filiali prevalentemente in Lombardia e controllate in Lazio, Toscana e Veneto.

Fondata nel 1909 dall'ingegner Egidio Gavazzi ha assunto la denominazione Banco Desio solo nel 1926. Incorporando la Banca della Brianza nel 1967 ha aumentato la presenza sul territorio italiano portandosi a 21 filiali.

Nel 1995 è stata quotata alla Borsa di Milano (Borsa Italiana: BDB ).

Al 4 febbraio 2011 risultava essere la quindicesima banca italiana[1] nella classifica delle 15 banche più capitalizzate quotate sulla borsa italiana. L'amministratore delegato dal 19 giugno 2012 è Tommaso Cartone.

Gruppo Banco Desio[modifica | modifica sorgente]

Attualmente Banco di Desio e della Brianza S.p.A. è la capogruppo del Gruppo Banco Desio con 150 filiali su 185 a livello di gruppo, 1682 dipendenti.

Le controllate sono:

  • Banco Desio Lazio S.p.A. (con 21 filiali nella regione Lazio e sede a Roma)
  • Chiara Assicurazioni compagnia di assicurazioni sui danni S.p.A. (con sede a Milano)
  • Rovere Société de Gestion SA (società lussemburghese)
  • Brianfid-Lux S.A. in liquidazione (società lussemburghese)
  • Credito Privato Commerciale S.A. in liquidazione (società svizzera)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Dati in miliardi di euro, aggiornati al 26 marzo 2010 e forniti da Borsa Italiana SpA. La classifica non tiene conto quindi di alcune grandi banche italiane come BNL e Antonveneta non più quotate perché rilevate da gruppi stranieri e di Mediolanum e UGF, in quanto gruppi comprendenti anche attività assicurative

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]