Banca offshore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le banche offshore (letteralmente "fuori dalle acque territoriali") sono banche che hanno sede legale in paesi, cosiddetti paradisi fiscali (Liechtenstein, Principato di Monaco, Panamá, Isole Cayman, Anguilla), che applicano legislazioni in campo fiscale e creditizio più convenienti, rispettando inoltre il segreto bancario.

Le banche offshore quindi, grazie a questa posizione privilegiata, si trovano a gestire una grossa fetta di mercato: secondo alcune stime infatti le sarebbero circa 10.000 (di cui 320 italiane)[1] con un volume d'affari pari a circa 1800 miliardi di euro.

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Proprio la riservatezza nel gestire i dati dei propri clienti fa sì che le banche offshore siano spesso accusate di coprire e favorire attività illecite.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Articolo di Giorgio Ferrari su Avvenire dell'8 gennaio 2004


Diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Diritto