Banato di Leithania

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Leithania
Leithania – Bandiera Leithania - Stemma
(dettagli) (dettagli)
Leithania - Localizzazione
Dati amministrativi
Nome completo Banato di Leithania
Nome ufficiale Lajtabánság
Lingue ufficiali Ungherese, tedesco
Lingue parlate
Capitale Oberwart
Politica
Forma di Stato Repubblica
Forma di governo
Presidente Pál Prónay
Nascita 4 ottobre 1921
Fine 5 novembre 1921
Causa Occupazione austriaca
Territorio e popolazione
Bacino geografico Europa centrale
Religione e società
Religioni preminenti Cristianesimo
Evoluzione storica
Preceduto da Flag of Hungary (1920–1946).svg Regno di Ungheria
Succeduto da Flag of Austria.svg Austria

Il Banato di Leithania (in ungherese: Lajtabánság, in tedesco: Leitha-Banat) è stato un piccolo Stato, durato meno di un mese, il cui territorio durante l'Impero austroungarico faceva parte della Transleithania, ovvero dell'amministrazione ungherese, sebbene la sua popolazione fosse in maggioranza di lingua tedesca.

Dopo la prima guerra mondiale l'Impero venne suddiviso e delle due nazioni imperiali restarono la Repubblica Austrogermanica e la Repubblica Democratica di Ungheria. Successivamente una coalizione di eserciti sconfisse l'Ungheria (divenuta comunista come Repubblica sovietica ungherese) ed il successivo Regno di Ungheria si trovò ulteriormente ristretto nei confini. I trattati di Saint-Germain e Trianon confermarono queste modifiche territoriali, ed in più aggiunsero la cessione all'Austria delle aree di confine oltre il fiume Leitha, sulla base del principio di nazionalità. Questo territorio venne chiamato in tedesco Burgenland.

Tuttavia solo il 28 agosto 1921 l'Austria s'intenzionò a prenderne possesso, trovandovi però un'accanita resistenza da parte delle milizie ungheresi note come Rongyos Gárda. L'Austria temporeggiò, fino a quando le insistenze diplomatiche costrinsero l'Ungheria a rinunciare al territorio e sgomberarlo dei propri amministratori, cosicché il 4 ottobre il territorio si ritrovò indipendente. La Rongyos Gárda agli ordini del Conte Gyula Ostenburg-Moravek e di István Friedrich resistette per un mese agli attacchi austriaci ma dovette poi arrendersi. Il 5 novembre il Banato di Leithania veniva incorporato nella Prima repubblica austriaca come Burgenland, con capoluogo Odenburgo (l'odierna Sopron); questa città però, nella cui area invece predominava l'etnia ungherese, con un plebiscito accordato per il dicembre dello stesso anno optò per ritornare all'Ungheria.