Banana Republic

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Banana Republic (disambigua).
Banana Republic
Artista Francesco De Gregori, Lucio Dalla
Featuring Ron
Tipo album Live
Pubblicazione 28 luglio 1979
Durata 38 min : 16 sec
Dischi 1
Tracce 10
Genere Musica d'autore
Etichetta RCA Italiana PL 31466
Produttore Alessandro Colombini
Registrazione Bologna, Verona e Brescia
Note 500.000 copie vendute
Francesco De Gregori - cronologia
Album precedente
(1978)
Album successivo
(1979)
Lucio Dalla - cronologia
Album precedente
(1979)
Album successivo
(1980)

Banana Republic è un album dal vivo di Lucio Dalla e Francesco De Gregori uscito nel 1979.

Il tour[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il successo della canzone in duetto “Ma come fanno i marinai”, Lucio Dalla e Francesco De Gregori decidono di dar vita insieme a un tour negli stadi italiani. Una serie di gravi incidenti avvenuti ai concerti o nelle immediate vicinanze negli anni precedenti aveva fatto sì che le star straniere e quelle italiane disertassero stadi e palasport. Il tour “Banana Republic”, tuttavia, si svolge in maniera ordinata e registra una affluenza di pubblico senza precedenti. Grazie a Dalla e De Gregori la musica ritornava negli stadi. Il disco “live” dell'evento viene pubblicato mentre il tour è ancora in corso e finisce ai primi posti delle classifiche. La RCA decide che l'album deve uscire in agosto: gli operai degli stabilimenti di stampa di via Tiburtina salteranno le ferie.

« Quando un giorno Dalla venne a pranzo a casa mia insieme a Ron (cosa che avveniva abbastanza di frequente) mi feci trovare intento a scrivere la canzone “Ma come fanno i marinai”. Forse già mentre la pensavo ipotizzavo che, assieme a Lucio, sarebbe potuta diventare una cosa forte, importante e divertente. E lui la sentì, se ne innamorò, ci mise subito un bel riff di clarinetto all'inizio, aggiunse, cambiò, migliorò, la rese decisamente più “commestibile”, più adatta alle nostre due vocalità. »
(Francesco De Gregori, Corriere della sera[1])

E ancora:

« Banana Republic è la traduzione di un pezzo di Steve Goodman che mio fratello, più noto come Luigi Grechi (quello de Il bandito e il campione) mi aveva fatto conoscere. Mi piacque molto e cominciai a tradurlo un po’ per gioco un po’ per allegria. Quando la tournée era ormai decisa, pensammo che ci sarebbe voluto un altro pezzo da condividere oltre ai “Marinai”. Io feci sentire a Lucio il brano, a lui piacque. Non solo lo mettemmo nella scaletta del concerto, ma quel titolo innescò uno strano processo di fascinazione cosicché Ennio Melis, direttore della RCA, uomo di grande istinto, ci consigliò di chiamare il tour come il brano appena realizzato. “Mica la vorrete chiamare I marinai che sa di vecchio?”. Ci disse di chiamarla Banana Republic perché è curioso e non si capisce cos'è. »
(Francesco De Gregori, Corriere della sera)

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

L'album raccoglie il meglio dei 28 brani portati in tournée dai due cantautori negli stadi italiani dal 16 giugno al 30 luglio 1979. I due fino ad allora insieme avevano inciso in studio solo un singolo (Ma come fanno i marinai/Cosa sarà) e si erano esibiti insieme dal vivo una sola volta, a Roma l'8 luglio 1978.

La canzone che dà il titolo all'album è la traduzione, effettuata dal solo De Gregori, della canzone Banana Republics scritta e incisa da Steve Goodman e portata poi al successo da Jimmy Buffett. Del brano non esistono versioni in studio eseguite dai due, assieme o separatamente; lo stesso dicasi per Gelato al limon, scritta da Paolo Conte e da lui inclusa nell'omonimo album di quello stesso anno.

Piazza Grande, del repertorio di Dalla, è cantata soltanto da quest'ultimo, così come De Gregori canta da solo le sue Bufalo Bill e Santa Lucia. In tutte le altre tracce del disco, i due artisti duettano a strofe alterne o in coro a prescindere dall'autore del brano.

La già citata Ma come fanno i marinai, che chiudeva i concerti del duo, è preceduta da un breve accenno di Addio a Napoli.

Le registrazioni sono state effettuate con lo studio mobile "Manor" durante i concerti di Brescia, Verona e Bologna; il tecnico del suono è Peter Greenslade (già al fianco di Fabrizio De André e della Premiata Forneria Marconi, nella tournée svoltasi pochi mesi prima), e gli assistenti David Chapman, Paut Ward e Louise Freedman.

L'album è stato poi missato dal produttore Alessandro Colombini e da Maurizio Montanesi negli studi RCA di Roma.

Gli arrangiamenti delle canzoni sono curati da Ron, presente sul palco - alla chitarra e ai cori - in tutti i brani.

I musicisti di supporto a Lucio Dalla (Curreri, Liberatori, Pezzoli, Nanni e Portera) formeranno in seguito gli Stadio; quelli di supporto a Francesco De Gregori erano i componenti del gruppo dei Cyan.

Il film-concerto[modifica | modifica wikitesto]

Dal lungo tour estivo di Banana Republic è stato tratto anche un "film concerto dal vivo" per la regia di Ottavio Fabbri. Il film, oltre ad interviste e spezzoni documentari del tour in questione, contiene molte più canzoni rispetto all'LP, e anche i titoli in comune con esso sono esecuzioni differenti da quelle registrate per l'album.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Lato A

  1. Banana Republic - (3:33) (Testo in italiano di Francesco De Gregori; Testo originale in inglese e musica di Steve Goodman, Steve Burgh e Jim Rothermel)
  2. Gelato al limon - (4:50) (Testo e musica di Paolo Conte)
  3. La canzone di Orlando - (1:53) (Testo di Roberto Roversi; Musica di Lucio Dalla)
  4. Bufalo Bill - (5:06) (Testo e musica di Francesco De Gregori)
  5. Piazza Grande - (4:02) (Testo di Sergio Bardotti e Gianfranco Baldazzi; Musica di Rosalino Cellamare e Lucio Dalla)

Lato B

  1. 4/3/1943 - (4:57) (Testo di Paola Pallottino; Musica di Lucio Dalla)
  2. Santa Lucia - (3:47) (Testo e musica di Francesco De Gregori)
  3. Quattro cani - (4:03) (Testo e musica di Francesco De Gregori)
  4. Addio a Napoli - (1:06) (Testo e musica di Teodoro Cottrau)
  5. Ma come fanno i marinai - (4:59) (Testo e musica di Lucio Dalla e Francesco De Gregori)

Canzoni del film[modifica | modifica wikitesto]

  1. Pablo
  2. Milano
  3. Gesù Bambino e la guerra[2]
  4. L'ultima luna
  5. Com'è profondo il mare
  6. Cosa sarà
  7. Il cucciolo Alfredo
  8. Niente da capire
  9. Disperato erotico stomp
  10. Quale allegria
  11. I ragazzi italiani (cantata da Ron)
  12. Banana Republic
  13. Bufalo Bill
  14. Anna e Marco
  15. Un gelato al limon
  16. L'anno che verrà
  17. Stella di mare
  18. Ma come fanno i marinai

I musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Milano non viene toccata dal tour, dopo che pochi anni prima De Gregori era stato interrotto e insultato da membri dell'autonomia operaia qualche anno prima durante un concerto al Palalido, mentre Dalla si era beccato un bottiglia incendiaria durante un concerto nel cortile del Castello Sforzesco. "Non so se fu per questo. Forse furono gli organizzatori a non voler rischiare. Da parte mia certo nessuna ritorsione, rivalsa o voglia di punire una città per un episodio che riguardava una minoranza rissosa e rumorosa” dice De Gregori.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Banana Republic spiegato da De Gregori
  2. ^ La canzone è citata così nei titoli di coda del film; si tratta di Gesù bambino di De Gregori, all'epoca del concerto ancora inedita e pubblicata pochi mesi dopo sull'album Viva l'Italia. I titoli riportano altri due brani di De Gregori, Raggio Di Sole e Generale, che però sono del tutto assenti dal film.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica