Balionycteris maculata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pipistrello della frutta dalle ali maculate
Immagine di Balionycteris maculata mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Megachiroptera
Famiglia Pteropodidae
Sottofamiglia Cynopterinae
Genere Balionycteris
Matschie, 1899
Specie B. maculata
Nomenclatura binomiale
Balionycteris maculata
Thomas, 1893

Il pipistrello della frutta dalle ali maculate (Balionycteris maculata Thomas, 1893) è un pipistrello appartenente alla famiglia degli Pteropodidi, unica specie del genere Balionycteris (Matschie, 1899), endemico della Thailandia, della Penisola Malese, e dell'Indonesia.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Pipistrello di medio-piccole dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 56 e 74,5 mm, la lunghezza dell’avambraccio tra 39 e 45 mm, la lunghezza delle orecchie tra 10 e 12 mm e un peso fino a 16 g.[3]. È la più piccola specie della famiglia degli Pteropodidi.

Caratteristiche craniche e dentarie[modifica | modifica wikitesto]

Il cranio presenta un rostro molto corto, una scatola cranica rotonda, le ossa pre-mascellari in semplice contatto con le ossa nasali ed è privo dei fori post-orbitali. Gli incisivi superiori interni sono più lunghi di quelli esterni e separati ampiamente dai canini, i quali sono attraversati longitudinalmente da un solco profondo.

Sono caratterizzati dalla seguente formula dentaria:

2 3 1 2 2 1 3 2
2 2 1 1 1 1 2 2
Totale: 28
1.Incisivi; 2.Canini; 3.Premolari; 4.Molari;

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

La pelliccia è relativamente corta. Le parti dorsali sono color fuliggine, con dei riflessi marroni scuri sulla groppa, la testa è nerastra, mentre le parti inferiori sono grigiastre. Nei maschi è presente un collare bruno-grigiastro. Il muso è corto, con le narici leggermente sporgenti e divaricate e gli occhi grandi. Le orecchie sono bruno-nerastre, corte e arrotondate, con un piccolo antitrago triangolare. Una piccola macchia giallastra è sempre presente alla base del margine anteriore di ogni padiglione auricolare e su ogni articolazione delle dita dell'arto superiore. Numerose piccole macchie giallastre ricoprono le membrane alari bruno-nerastre. La tibia è priva di peli. Il pollice è incluso in parte nella membrana alare. È privo di coda, mentre l'uropatagio è ridotto ad una sottile membrana lungo la parte interna degli arti inferiori. Il calcar è corto. B.m. seimundi è la sottospecie più piccola.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il termine generico Balionycteris deriva dalla combinazione di due parole greche: βάλιος, letteralmente "macchiato", e νύχτερις, ovvero "pipistrello". Anche il termine specifico fa riferimento alle piccole macchie sulle ali.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Forma piccoli gruppi con un solo maschio.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Nella Penisola Malese sono state registrate almeno 22 specie di piante i cui frutti fanno parte della sua dieta, tra le quali Cyathocalyx scortechinii, Polyalthia obliqua, Pseuduvaria setosa, Diospyros sumatrana, Fragraea racemosa, Strychnos axillaris, Memecylon megacarpum, Pternandra echinata, varie specie native di Ficus, Eugenia griffithi, Pellacalyx saccardianus, Diplospora malaccensis, Nauclea officinalis e Adinandra sarosanthera. È considerato un importante dispersore di semi.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Le femmine danno alla luce fino a due piccoli l'anno, principalmente tra giugno e gennaio. Hanno un'aspettativa di vita di circa 4 anni.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è endemica della Thailandia, della Penisola Malese, e dell'Indonesia.

Vive nelle foreste pluviali primarie, nelle Mangrovie e in foreste secondarie fino a 1.500 metri di altitudine.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Sono state riconosciute due sottospecie:

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List, considerata il vasto Areale, la popolazione numerosa e il suo adattamento ad habitat degradati, classifica B. maculata come specie a rischio minimo (LC).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Bates, P., Bumrungsri, S., Suyanto, A., Francis, C. & Kingston, T. 2008, Balionycteris maculata in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Balionycteris maculata in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Francis, 2008

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi