Balantiopteryx io

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Balantiopteryx io
Immagine di Balantiopteryx io mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Microchiroptera
Famiglia Emballonuridae
Sottofamiglia Emballonurinae
Genere Balantiopteryx
Specie B.io
Nomenclatura binomiale
Balantiopteryx io
Thomas, 1904

Balantiopteryx io (Thomas, 1904) è un pipistrello della famiglia dei Emballonuridi diffuso nell'America centrale.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Pipistrello di piccole dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 38 e 44 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 36 e 40 mm, la lunghezza della coda tra 8,0 e 18 mm, la lunghezza del piede tra 7 e 8 mm, la lunghezza delle orecchie tra 10 e 13 mm e un peso fino a 4 g.[3]

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Le parti dorsali variano dal marrone scuro al nerastro, mentre le parti ventrali sono bruno-grigiastre. Il muso è appuntito. Le labbra sono lisce, con quella superiore leggermente protuberante. Le orecchie sono relativamente piccole, separate e leggermente arrotondate. Le membrane alari sono nere e attaccate posteriormente lungo le anche. Sono presenti delle sacche ghiandolari sulla superficie dorsale davanti al gomito e con l'apertura rivolta verso il corpo. La coda è corta e perfora a circa metà della sua lunghezza la superficie dorsale dell'uropatagio.

Ecolocazione[modifica | modifica wikitesto]

Emette ultrasuoni ad alto ciclo di lavoro sotto forma di impulsi di breve durata e banda stretta a frequenza iniziale di 47,9-51,6&kHz, finale a 44,1-48,1&kHz e massima energia a 46,5-51,2&kHz. Questa configurazione è presente nei pipistrelli che catturano le prede nella densa vegetazione[4].

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Si rifugia all'interno di cave calcaree in gruppi di 50 individui o più, ampiamente separati l'uno dall'altro. L'attività predatoria inizia dopo il tramonto, più tardi rispetto alle altre specie.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre di insetti.

Riproduzione[modifica | modifica wikitesto]

Femmine gravide sono state osservate tra marzo e luglio.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è diffusa lungo il versante atlantico messicano dagli stati di Veracruz e Oaxaca fino al Guatemala centrale e orientale e nel Belize.

Vive nelle foreste sempreverdi e semi-decidue fino a 500 metri di altitudine.

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List, sebbene sia ampiamente diffusa il suo habitat è altamente fragile e ridotto del 30% negli ultimi 10 anni, classifica B.io come specie vulnerabile (VU).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Lim, B., Miller, B., Reid, F., Arroyo-Cabrales, J., Cuarón, A.D. & de Grammont, P.C. 2008, Balantiopteryx io in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.3, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Balantiopteryx io in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Reid, 2009
  4. ^ C.Ibanez, J.Juste, R. Lopez-Wilchis, L.Albuja V. & A. Nunez-Garduno, Echolocation of three species of Sac-Winged Bats (Balantiopteryx) in Journal of Mammalogy, vol. 83, nº 4, 2002, pp. 1049-1057.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Joaquin Arroyo-Cabrales & J.Knox Jones, Balantiopteryx io in Mammalian Species, nº 313, 1988.
  • Fiona A. Reid, A field guide to the Mammals of Central America and Southeast Mexico, Oxford University Press, 2009. ISBN 9780195343236

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi