Baia Kresta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Baia Kresta
Залив Креста.jpg
Parte di Mare di Bering
Stato Russia Russia
Distretto federale Estremo Oriente
Soggetto federale Circondario autonomo della Čukotka
Rajon Iul'tinskij
Coordinate 65°53′54″N 179°12′03″W / 65.898333°N 179.200833°W65.898333; -179.200833Coordinate: 65°53′54″N 179°12′03″W / 65.898333°N 179.200833°W65.898333; -179.200833
Dimensioni
Lunghezza 102 km
Larghezza 25-43 km
Profondità massima 70 m
Mappa di localizzazione: Federazione Russa
Baia Kresta
Chukchi Sea5ZKR.png
Localizzazione della baia Kresta

La baia Kresta (in russo Залив Креста; in lingua ciukcia Kėnynyn) è una profonda insenatura all'interno del golfo dell'Anadyr', in Russia (mare di Bering). Amministrativamente fa parte dell'Iul'tinskij rajon, nel Distretto Federale dell'Estremo Oriente.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

La baia, che si apre verso sud, è delimitata ad est dalla grande penisola dei Čukči, le sue coste sono frastagliate e comprendono altre insenature; le maggiori sono la baia Ėtėl'kujym (вухта Этэлькуйым) e la Kėngynin (вухта Кэнгынин). La baia Kresta è larga 25 km all'ingresso e 43 km nella parte centrale, ha una lunghezza di 102 km e una profondità massima di 70 m. Gela d'inverno[1].

Nella parte settentrionale, si trova il villaggio di Ėgvekinot (Эгвекинот), capoluogo dell'Iul'tinskij rajon. Sulla costa orientale il villaggio di Konergino (Конергино) e a sud-ovest Uėl'kal' (Уэлькаль).

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

Nelle acque della baia Kresta ci sono foche, trichechi e balene.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La baia è stata scoperta nel 1648 durante la spedizione di Semën Ivanovič Dežnëv ed è stata mappata nel 1665 dall'esploratore cosacco Kurbat Afanas'evič Ivanov[2]. Ha ricevuto il suo nome attuale, che in italiano significa "croce", da Vitus Bering nel 1728, in onore della festività della Vera Croce (Животворящий Крест).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Креста залив
  2. ^ Курбат Иванов

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]