Bai Juyi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Nomi
Cinese: 白居易
Pinyin: Bai Juyi o Bo Juyi
Wade-Giles: Pai Chu-I o Po Chu-I
noto anche come: Collina fragrante
Bai Juyi by Chen Hongshou.jpg
Ritratto di Bai Juyi di Chen Hongshou

Bai Juyi (白居易) (772846) è stato un poeta cinese vissuto all'epoca della dinastia T'ang.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Bai Juyi nacque nel 772 a Taiyuan, nello Shanxi. Trascorse la gioventù nel villaggio di Rong Yang nel Henan, crescendo in una famiglia (a quanto ci racconta lui) spesso in difficoltà economiche.

Inizi della carriera ufficiale[modifica | modifica wikitesto]

Nell'800 riuscì a passare gli esami imperiali e l'anno dopo si vide così costretto a stabilirsi a Chang'an, attuale capitale dell'impero. Alla morte del padre, nell'804, si ritirò per un paio d'anni presso il fiume Wei, vicino alla capitale stessa.

Nell'806, di ritorno alla capitale, si vide affidato un incarico di ufficiale nella zona di Zhouzi, nello Shanxi, e l'anno successivo venne nominato membro dell'accademia Han-Lin, della quale resterà fino all'815. Alla morte della madre, nell'811, si ritirò nuovamente per tre anni presso il fiume Wei, per poi ritornare a Chang'an, dove gli verranno affidati carichi amministrativi sempre più importanti.

Esilio e ritorno[modifica | modifica wikitesto]

L'anno seguente, nell'815, Bai Juyi fu esiliato per delle dissidenze nei confronti di una fazione politica importante, e si vide costretto a trasferirsi a Xunyang, nel Jiangxi, presso il fiume giallo, e successivamente, nell'818, a Zhong-zhou. Nell'819 terminò il suo esilio, e fu così riammesso alla capitale. In seguito, fino all'826, anno in cui si ritirò per malattia, ricoprì cariche governative in varie città, fra cui Hangzhou.

L'anno successivo si ristabilì, per l'ultima volta, a Chang'an.

Ultimi anni[modifica | modifica wikitesto]

Nell'829 si spostò definitivamente a Luoyang, della cui provincia divenne governatore due anni dopo. Trascorse l'ultimo decennio, dall'834 fino alla sua morte, come saggio buddhista, abbandonando la carriera ufficiale. Dall'839 rimase vittima di una paralisi, che l'accompagnò fino alla sua morte, avvenuta nell'846.

Stile e forme poetiche[modifica | modifica wikitesto]

Il poema "Pi Pa Xing" di Bai Juyi, in una calligrafia di Wen Zhengming, dinastia Ming.

Bai Juyi, con circa 3000 composizioni, si colloca fra i poeti più produttivi della storia della Cina. Si narra che, prima di pubblicarle, facesse leggere le sue poesie ad un'anziana signora, saggiando così se chiunque fosse in grado di comprenderle. Per la sua semplicità e chiarezza nel linguaggio l'ha portato ad una vasta popolarità nello spazio e nel tempo: è infatti sempre stato molto apprezzato anche in Giappone.

Si interessò spesso al genere dell'yue fu (乐府), di moda durante la dinastia Han, non tralasciando però lavori in prosa e poemetti narrativi.


Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • Wikipedia in lingua inglese
  • Poesie cinese dell'epoca T'ang, Leonardo Vittorio Arena.
  • Waiting for the moon: Poems of Bo Juyi, Arthur Waley.
  • Poesie cinesi d'amore e di nostalgia, Girolamo Mancuso.