Bahariasaurus ingens

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Bahariasaurus
Stato di conservazione: Fossile
Ernst Stromer.jpg
Ernst Stromer con l'anca di Bahariasaurus (1934 circa)
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Ordine Saurischia
Sottordine Theropoda
Infraordine Tetanurae o Ceratosauria
Superfamiglia  ?Abelisauroidea
Famiglia  ?Noasauridae
Genere Bahariasaurus
Specie B. ingens
Nomenclatura binomiale
Bahariasaurus ingens
Stromer, 1934

Il bahariasauro (Bahariasaurus ingens) è uno dei più grossi dinosauri carnivori mai esistiti. I suoi resti sono stati rinvenuti nella prima metà del secolo scorso in Egitto in terreni della Formazione Baharija della prima parte del Cretacico superiore [1]; comprendevano una gigantesca anca di 1,2 metri di lunghezza. Purtroppo le poche ossa scoperte sono state distrutte durante la Seconda guerra mondiale e tutto ciò che ci rimane di questo dinosauro sono le descrizioni e i disegni dei resti.

Classificazione incerta[modifica | modifica wikitesto]

Bahariasaurus, comunque, doveva essere uno dei superpredatori della sua zona (lunghezza di forse 12 metri), assieme a Carcharodontosaurus e Spinosaurus[2], ma stranamente era di costituzione leggera, forse di 5 tonnellate. Per lungo tempo questo animale è “rimbalzato” da una classificazione all'altra, finendo per essere paragonato ai megalosauridi, agli allosauridi, ai tirannosauridi e perfino ai dinosauri struzzo (ornitomimidi). Ora si pensa che fosse piuttosto simile, se non identico, a un altro grande carnivoro di quel periodo, Deltadromeus, che a sua volta è stato classificato dapprima come un celurosauro primitivo e poi come un antenato degli abelisauridi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Stromer, E., Ergebnisse der Forschungsreisen Prof. E. Stromers in den Wüsten Ägyptens. II. Wirbeltier-Reste der Baharije-Stufe (unterstes Cenoman) in Dinosauria, vol. 13, nº 22, Abhandlungen der Bayerischen Akademie der Wissenschaften, Mathematisch-naturwissenschaftliche Abteilung, 1934, pp. 1–79.
  2. ^ (EN) Smith, J.B.; Lamanna, M.C.; Lacovara, K.J.; Dodson, P.; Smith, J.R.; Poole, J.C.; Giegengack, R.; Attia, Y., A Giant sauropod dinosaur from an Upper Cretaceous mangrove deposit in Egypt in Science, vol. 292, nº 5522, 2001, pp. 1704–1706, DOI:10.1126/science.1060561, PMID 11387472.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]