Gruzinski

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Bagration-Gruzinski)
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Bagration-Gruzinsky (In russo: Багратионы-Грузи́нский; in georgiano: ბაგრატიონ გრუზინსკი) è un appellativo e successivamente un cognome di due diverse famiglie principesche [1] cadette dei Bagration della Georgia. Ambedue ottennero il suffisso Gruzinsky (ma anche Gruzinski o Gruzinskii) una volta entrata la Georgia a far parte dell'Impero russo poiché letteralmente significa "della Georgia".

  • Principi Gruzinsky ("Linea antica"), ramo cadetto dei sovrani di Mukhrani che perse il trono di Kartli in 1726. Discendono dal principe Bakar di Georgia (1699/1700-1750) che si rifugiò in Russia nel 1724; si sono estinti con la morte di Pyotr Nikolaevic Gruzinsky (1837-1892). La famiglia aveva proprietà nel governatorato di Mosca e Nizhegorod e nel 1833 venne confermata fra la nobiltà principesca russa in 1833[2].
  • Principi Gruzinsky ("Linea nuova"), ramo derivato dai sovrani di Kakheti (dopo il 1462) e di Kartli (dopo 1744). Il titolo del principe (sse) Gruzinsky (Principi Serenissimi dopo il 1865) fu conferito ai nipoti del penultimo re georgiano Eraclio II di Georgia (1720/1-1798) dopo l'annessione russa della Georgia nel 1801 [2][3]. I discendenti del principe Bagrat di Georgia (1776-1841), nipote di Eraclio II e figlio dell'ultimo re della Georgia Giorgio XII (1746-1800), ancora vivono nella terra natia: l'attuale Capo della Casata è Nugzar Bagration-Gruzinsky (nato nel 1950), basa il proprio diritto alla corona in quanto discendente legittimo maschile per primogenitura. Poiché non ha eredi maschi, Pyotr Pyotrovich Gruzinsky (n. 1916), pro-pronipote del fratello minore del principe Bagrat, il principe Ilia Bagration (1791-1854), è considerato suo erede presuntivo all'interno dello stesso principio di primogenitura[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ in russia furono zarevic e poi knyaz, i cui equivalenti georgiani furono rispettivamente batonishvili e tavadi
  2. ^ a b Toumanoff, Cyril (1967). Studies in Christian Caucasian History, p. 269. Georgetown University Press.
  3. ^ (RU) Грузинские, Russian Biographic Lexicon. Ultimo accesso: 10 gennaio 2008.
  4. ^ Guy Stair Sainty (ed.). Bagration (Georgia). Almanach de la Cour. Ultimo accesso: 10 gennaio 2008.