Bad Girls (film 2005)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bad Girls
Titolo originale Bad Girls from Valley High
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 2005
Durata 84 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia John T. Kretchmer
Soggetto Paul Fleischman
Sceneggiatura Robert LoCash, Andrew Lane
Produttore Bill Sheinberg, Jonathan Sheinberg, Sid Sheinberg
Casa di produzione Bubble Factory, A Fate Productions
Fotografia Suki Medencevic
Montaggio Ross Albert
Musiche Shawn K. Clement, Sean Murray
Scenografia Glen W. Pearson
Costumi Patricia Hargreaves
Interpreti e personaggi

Bad Girls (Bad Girls from Valley High), diretto da John T. Kretchmer è uscito nel 2005, è un film commedia statunitense con Julie Benz, Nicole Bilderback e Monica Keena. È basato sul romanzo A Fate Totally Worse Than Death del 1995 dell'autore Paul Fleischman.[1] È stato l'ultimo film dell'attrice Janet Leigh, morta per un infarto subito dopo la fine delle riprese e, dell'attore Jonathan Brandis suicidatosi dopo la fine delle riprese e pubblicato postumo.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Danielle (Julie Benz), Tiffany (Nicole Bilderback) e Brooke (Monica Keena) sono le tre ragazze più popolari e più belle del liceo. Sebbene la leader Danielle ottenga sempre ciò che vuole, non è tuttavia in grado di attrarre il solitario ed ex atleta Drew (Jonathan Brandis) a causa del lutto di quest'ultimo per la morte della fidanzata Charity Chase. Seppur si pensi che sia stato un suicidio, la giovane, in realtà, è stata attirata nei pressi di un dirupo da Danielle, Tyffany e Brook e successivamente uccisa.

Un anno al giorno della morte di Charity, una studentessa straniera Rumena, Katarina (Suzanna Urszuly), arriva durante la lezione di arte del Professor Chauncey (Christopher Lloyd). Lei e Drew diventano subito amici. Gelosa di ciò, Danielle cerca di fare tutto quanto in suo potere per fermare questa amicizia che piano piano si trasformerà in amore. Nel tentativo di avvicinarsi a Drew, Danielle lavora presso la casa anziani dove anche il ragazzo sta lavorando. A lei è assegnato il compito di guardare una vecchia signora (Janet Leigh) creduta in coma. Danielle, Tiffany e Brooke utilizzano questa opportunità per razziare l'armadio della vecchia signora e prendere per poi mangiare la sua scatola di cioccolatini.

Nelle due settimane successive, le tre ragazze notano che qualcosa di strano sta accadendo loro: incominciano a provare dolori alla schiena e i loro capelli piano piano diventano grigi - con orrore scoprono che hanno contratto la sindrome invecchiamento ad una velocità rapida. Le ragazze credono che ciò che sia successo loro abbia qualcosa a che fare con Katarina, in quanto pensano sia in realtà il fantasma di Charity tornato per vendicarsi. Le tre decidono che l'unico modo per riconquistare la loro gioventù è quello di uccidere Drew e lasciare che il suo spirito si unisca a quello di Charity.

Nella notte di festa del 18° compleanno di Danielle, le giovani richiamano Drew allo stesso dirupo dove hanno ucciso Charity e tentano di sparargli. Katarina arriva sul posto e afferma di non essere il fantasma di Charity, ma Danielle dopo aver brevemente meditato su questo, decide comunque di sparare ad entrambi. Sarà Brooke a salvare i due ragazzi disarmando l'amica con l'aiuto di Drew.

Dopo questo episodio, Tyffani è agganciata a una macchina di supporto vitale e Danielle è viva per poco. È a questo punto della vicenda che fa capolino l'anziana signora che Danielle aveva creduto in coma: rivela di essere la nonna di Charity e di aver visto e sentito Danielle vantarsi dell'omicidio della nipote; svela, inoltre, di aver avvelenato lei stessa i cioccolatini con una sostanza chimica che invecchia, sapendo che le ragazze li avrebbero mangiati. Mentre Danielle e Tiffany avevano mangiato la maggior parte del cioccolato avvelenato, Brooke, non avendone ingeriti molti, non rischiava la morte.

Tra i presenti al funerale di Tiffany e Danielle ci sono Drew e Katarina (ormai una coppia ufficiale) e Brooke, trasformata da un chirurgo plastico in una donna di 50 anni.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il film, diretto da John T. Kretchmer su una sceneggiatura di Robert LoCash e Andrew Lane con il soggetto di Paul Fleischman (autore del romanzo),[2] fu prodotto da Bill Sheinberg, Jonathan Sheinberg e Sid Sheinberg per la Bubble Factory e la A Fate Productions.[3] Fu girato a Vancouver in Canada[4] da marzo a maggio 2000. Il titolo di lavorazione fu A Fate Totally Worse Than Death.[5]

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Il film fu distribuito con il titolo from Valley High negli Stati Uniti nel 2005[5] in DVD dalla Universal Home Entertainment.[3]

Altre distribuzioni:[5]

Promozione[modifica | modifica sorgente]

La tagline è: "Highschool can be Hell, but popularity can be murder!".[6]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Bad Girls - Allmovie. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  2. ^ Bad Girls - IMDb - Cast e crediti completi. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  3. ^ a b Bad Girls - IMDb - Crediti per le compagnie. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  4. ^ Bad Girls - IMDb - Luoghi delle riprese. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  5. ^ a b c Bad Girls - IMDb - Date di uscita. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  6. ^ (EN) Bad Girls - IMDb - Tagline. URL consultato il 19 febbraio 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema