Bachisio Bandinu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Bachisio Bandinu (Bitti, 22 febbraio 1939) è un antropologo, giornalista e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Esponente non accademico della Scuola antropologica di Cagliari, allievo di Ernesto de Martino e di Alberto Mario Cirese al pari dei suoi coetanei Giulio Angioni e Placido Cherchi, è studioso di cultura tradizionale della Sardegna interna in trasformazione repentina negli ultimi decenni, e si occupa in particolare di questioni d'identità culturale e politica.

Nel 1976 scrive, con Gaspare Barbiellini Amidei il saggio Il re è un feticcio, nel quale analizza il rapporto tra il mondo tradizionale della pastorizia e la civiltà dei consumi in Sardegna. Nel 1980 pubblica Costa Smeralda, un altro contributo, con altri che seguiranno, all'analisi del rapporto tradizione/innovazione.

Nel 1993 vince il Premio Funtana Elighes e nel 1999 è nominato direttore de L'Unione Sarda.

È presidente della "Fondazione Sardinia".

A ottobre del 2010 fonda e dirige il periodico web Cresia (in lingua sarda "Chiesa"), che si propone come obiettivo la divisione della diocesi di Cagliari in gruppi indipendenti, il dibattito sulla conduzione della diocesi e l'autonomia rispetto alle scelte del Vescovo diocesano [1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Bachisio Bandinu Fonda Cresia, periodico di dibattito critico sulla conduzione della diocesi e di opposizione al Vescovo

Pubblicazioni[modifica | modifica sorgente]

  • Costa Smeralda. Come nasce una favola turistica, Rizzoli, Milano, 1980.
  • Un sardismo da inventare, in Le ragioni dell'utopia. Omaggio a Michelangelo Pira, pp. 121-139, Giuffrè, Milano, 1984.
  • Narciso in Vacanza, Am&D, Cagliari, 1994.
  • Il cavallo. Memorie, sogno, storia, 1995.
  • Lettera a un giovane Sardo, La Torre, Cagliari, 1996.
  • Gennargentu, la città invisibile, in L'Unione Sarda del 18.1.1997.
  • Olbia città multietnica, (con G. Murineddu e E. Tognotti), AM&D, Cagliari, 1997.
  • Visiones. I sogni dei pastori, AM&D, Cagliari, 1998.
  • Ballos, Frorias, Cagliari, 2000.
  • Mario De Biasi. Viaggio dentro l'isola, (con Alfonso Gatto e Giuseppe Dessì), Ilisso, 2002.
  • Il re è un feticcio, Ilisso, Nuoro, 2003.
  • Identità, cultura, scuola, (con Placido Cherchi e Michele Pinna), Domus de Janas, 2003.
  • La maschera, la donna, lo specchio, Spirali, 2004.
  • Raffaello Sanzio e Sandro Trotti, Spirali, 2006.
  • Pastoralismo in Sardegna, Zonza Editori, 2006.
  • Il quinto moro. Soru e il sorismo, (con Salvatore Cubeddu), Domus de Janas, 2007.
  • Lingua sarda e liturgia, (con Antonio Pinna e Raimondo Turtas), Domus de Janas, 2008.
  • Pro s'indipendentzia, il Maestrale, 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie