BSPP

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Bandiera del BSPP

Il Partito del programma socialista della Birmania (BSPP, Burma Socialist Programme Party in birmano မ္ရန္‌မာ့ဆုိရ္ဟယ္‌လစ္‌လမ္‌းစဥ္‌ပာတီ; Myanma Hsoshalit Lanzin Pati o Partito Lanzin) fu formato dal regime militare che prese il potere nel 1962 e fu l'unico partito politico a cui fu permesso di esistere legalmente in Birmania, oggi ufficialmente Myanmar, durante del periodo del regime militare dal 1964 fino alle dimissioni come conseguenza delle rivolte popolari del 1988.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il BSPP fu fondato il 4 luglio 1962, dopo la dichiarazione della "Via birmana al Socialismo" da parte del Consiglio rivoluzionario il 30 aprile 1962. La "Via birmana al socialismo" è l'ideologia politica e economica del Consiglio rivoluzionario, che ha preso il potere con il colpo di stato il 2 marzo 1962. I presidenti del partito sono stati:

Dagli ideali sia marxisti e buddisti, Ne Win perseguì politiche socialiste (collettivizzazione delle terre e delle altre attività economiche, abolizione delle classi sociali e della proprietà privata) pur non alleandosi né con la Repubblica Popolare Cinese né con l'Unione Sovietica. La dittatura durò fino al 1988, con la rivolta 8888 e il cambio di tre presidenti in un anno. Dopo questa dittatura si arrivò a libere elezioni, non rispettate dallo SPDC, un altro partito militare di ideologia marxista, che salì al potere.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]