B.J. Harrison

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
B.J. Harrison
Universo Il padrino
Lingua orig. Inglese
1ª app. in Il padrino - Parte III
Ultima app. in Il padrino - Parte III
Interpretato da George Hamilton
Voce italiana Cesare Barbetti
Sesso Maschio
Professione Avvocato, consulente economico e legale di Michael Corleone

B.J. Harrison è un personaggio di finzione del film Il padrino - Parte III.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

B.J. Harrison è un famoso avvocato e consulente finanziario, che ha assunto il ruolo di legale e tutore negli affari della Famiglia Corleone alla morte di Tom Hagen, avvenuta all'inizio degli Anni Settanta.

Competente, pacato, attento ai particolari, è di grande aiuto nella grande opera del trasferimento degli affari Famiglia Corleone dal mondo criminale a quello della legalità, secondo i desideri di Michael, ormai incapace di reggere sulle spalle il peso del suo immenso anche se redditizio impero criminale.

Verso la fine degli anni settanta cura con diligenza i rapporti tra Michael con la Banca Vaticana, guidata dall'Arcivescovo Gilday, con cui intraprendono un rapporto d'affari miliardario nel settore in cui è coinvolta l'Internazionale Immobiliare.

Nel 1980, Harrison assiste al Teatro Massimo di Palermo al debutto musicale di Anthony, il primogenito di Michael nonché alla morte di Mary, la figlia secondogenita uccisa per errore al posto del padre.

Altre informazioni[modifica | modifica wikitesto]

Analogamente al personaggio di Peter Clemenza, Francis Ford Coppola voleva riproporre il personaggio di Tom Hagen nel film, ma l'attore Robert Duvall rifiutò a seguito di una disputa legata al compenso. Fu così che il regista inventò il personaggio di Harrison, che nella versione italiana è doppiato da Cesare Barbetti, già voce di Hagen nei primi due film.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]