Béchara Boutros Raï

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Béchara Boutros Raï
cardinale di Santa Romana Chiesa
Béchara-Raï.jpg
CardinalCoA PioM.svg
Titolo Cardinale vescovo[1]
Incarichi attuali Patriarca di Antiochia dei Maroniti
Presidente del Sinodo della Chiesa Maronita
Presidente della Conferenza Episcopale Libanese
Presidente del Consiglio dei Patriarchi Cattolici Orientali
Incarichi ricoperti Vescovo ausiliare di Antiochia dei Maroniti (1986-1990). Eparca di Jbeil (1990-2011)
Nato 25 febbraio 1940 (74 anni)a Himlaya
Ordinato presbitero 3 settembre 1967
Consacrato vescovo 12 luglio 1986 dal patriarca Nasrallah Pierre Sfeir (poi cardinale)
Elevato patriarca 15 marzo 2011
Creato cardinale 24 novembre 2012 da papa Benedetto XVI

Béchara Pierre Raï (in arabo: بشارة بطرس الراعي, Bishāra Buṭrus al-Rāʿī; Himlaya, 25 febbraio 1940) è un cardinale e patriarca cattolico libanese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo l'ordinazione presbiterale del 3 settembre 1967, papa Giovanni Paolo II lo ha nominato vescovo titolare di Cesarea di Filippo e ausiliare del Patriarcato di Antiochia dei Maroniti il 2 maggio 1986.

Ha ricevuto la consacrazione episcopale il successivo 12 luglio dalle mani del patriarca Nasrallah Pierre Sfeir, allora patriarca di Antiochia dei Maroniti.

Giovanni Paolo II lo ha nominato vescovo di Jbeil dei Maroniti il 9 giugno 1990.

Dopo le dimissioni dalla carica di patriarca di Antiochia dei Maroniti per raggiunti limiti d'età del cardinale Nasrallah Pierre Sfeir, accettate da papa Benedetto XVI il 26 febbraio 2011, il sinodo della chiesa maronita lo ha eletto nuovo patriarca il 15 marzo successivo.
Nel contempo assume la presidenza del medesimo Sinodo.

Dopo l'elezione ha modificato il secondo nome di battesimo, Boutros, in Pierre: è il nome tradizionale di tutti i Patriarchi di Antiochia dei Maroniti.

Il 25 marzo, dieci giorni dopo l'elezione a patriarca, Benedetto XVI gli ha concesso la necessaria "comunione ecclesiale".

Nel corso del 2011 assume anche la presidenza della Conferenza episcopale libanese e del Consiglio dei patriarchi cattolici orientali.

Papa Benedetto XVI lo ha innalzato alla dignità cardinalizia nel concistoro del 24 novembre 2012.

Genealogia episcopale[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Genealogia episcopale.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine della Legion d'onore (Francia)
— 2011[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Papa Paolo VI, con il motu proprio Ad purpuratorum Patrum Collegium, pubblicato l'11 febbraio 1965, stabilì che i patriarchi di rito orientale assunti nel Sacro Collegio dei Cardinali non appartengono al clero di Roma e, pertanto, non può essere assegnato loro alcun titolo o diaconia. I patriarchi cardinali appartengono all'ordine dei vescovi cardinali e, nella gerarchia, si situano immediatamente dopo di loro. Mantengono la loro sede patriarcale e non viene assegnata loro alcuna sede suburbicaria.
  2. ^ Suite de la visite en France du patriarche maronite | La-Croix.com

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Vescovo titolare di Cesarea di Filippo Successore BishopCoA PioM.svg
Joseph Powathil 2 maggio 1986 - 9 giugno 1990 Guy-Paul Noujaim
Predecessore Vescovo di Jbeil Successore BishopCoA PioM.svg
- 9 giugno 1990 - 15 marzo 2011 Michel Aoun
Predecessore Patriarca di Antiochia dei Maroniti Successore PrimateNonCardinal PioM.svg
Nasrallah Pierre Sfeir dal 15 marzo 2011 in carica

Controllo di autorità VIAF: 293372142