Azorubina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Azorubina
Azorubine.svg
Nome IUPAC
disodio 4-idrossi-2-[(E)-(4-solfonato-1-naftil) diazenil]naftalene-1-solfonato
Abbreviazioni
C.I. 14720
E122
Nomi alternativi
carmoisina
rosso alimentare 3
azorubina S
carmoisina brillante O
acido Rosso 14
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C20H12N2Na2O7S2
Massa molecolare (u) 502,432
Numero CAS [3567-69-9]
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
irritante

attenzione

Frasi H 315 - 319 - 335
Consigli P 261 - 305+351+338 [1]

L'azorubina o carmoisina (E122) è un colorante sintetico azoico, di colore rosso con sfumature bluastre.

Uso[modifica | modifica sorgente]

L'azorubina è aggiunta nelle bevande, nei budini, nei prodotti di confetteria e nelle caramelle, nel gelati, nei chewing gum, nelle conserve di frutta.

Patologie[modifica | modifica sorgente]

Secondo alcune ricerche scientifiche, l'azorubina, assieme ad un altro colorante sintetico, il rosso cocciniglia A (Ponceau 4R) (E124) danneggia la corteccia surrenale.[senza fonte]

Permessi[modifica | modifica sorgente]

Questo colorante è proibito in Austria, Norvegia e in Svezia. Le associazioni dei consumatori australiane hanno incluso l'azorubina nel gruppo di allergeni alimentari pericolosi per la salute, specie per le persone asmatiche e intolleranti all'aspirina (e ai farmaci antifebbrili e antinfiammatori).

Dose Giornaliera Accettabile (FAO/OMS)[modifica | modifica sorgente]

DGA = 4 mg/kg di peso corporeo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 18.04.2012