Aznar I Galíndez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aznar I
Aznar I
Aznar I
Conte di Aragona
In carica 809 - 823
Predecessore Aureolus
Successore García Galíndez il Malvagio
Nome completo Aznar Galíndez
Altri titoli Conte di Cerdagna e Urgell
Nascita seconda metà dell'VIII secolo
Morte Urgell, dopo l'838
Padre Galindo Garcés
Madre Guldregut
Consorte Eneca Garcés
Figli Centulo Aznárez
Galindo Aznárez
Matrona Aznárez
Eilona Aznárez

Aznar Galíndez[1]Aznar anche in spagnolo, in aragonese, in galiziano e in portoghese, Asnar in catalano (seconda metà dell'VIII secolo – dopo l'838) , fu conte d'Aragona dall'809 all'823, poi conte di Urgell e Cerdagna dall'823 alla sua morte.

Origine[modifica | modifica sorgente]

La sua origine è alquanto incerta, ma secondo alcune fonti, egli era figlio di Galindo Garces[2], che secondo il Cartulario de San Juan de la Peña era conte in Aragona (in un documento di una donazione al Monastero di San Juan de la Peña, dell'agosto 828, Galindo Garces, viene citato come conte[3]) e di Guldregut, di cui non si conoscono le ascendenze, che in un documento (una donazione al monastero di San Pedro de Siresa) del novembre 823, viene citata come moglie del conte Galindo[3].

Contea d'Aragona
Blason Royaume d'Aragon ancien.svg

Aureolus (802 - 809)
Aznar I (809 - 823)
Garcia I (823 - 833)
Galindo I (833 - 844)
Galindo II (844 - 867)
Aznar II (867 - 893)
Galindo III (893 - 923)
Andregoto (923 - 940)
Sancho (940 - 972)

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nell'809, alla morte del primo conte d'Aragona Aureolus, ricevette, dal re d'Aquitania, il figlio dell'imperatore, Carlo Magno, Ludovico, il titolo di conte d'Aragona, come vassallo dell'impero dei Franchi, con dominio su tutta la valle del fiume Aragón. Forse fu anche conte di Jaca, da cui dominava la valle.

Secondo il codice di Roda[4], sposò Eneca Garcés, figlia di Garcia Eneco[5]probabilmente di famiglia guascona o basca.

In seguito, sembra che Aznar si alleasse con i Baschi per combattere i Banu Qasi nella valle dell'Ebro. A seguito di questa guerra, secondo il codice di Roda[4], fu deposto a vantaggio di, suo genero, García Galíndez il Malvagio (?-844) e fu cacciato dall'Aragona; suo figlio Centulo fu ucciso dallo stesso García Galíndez il Malvagio, che aveva anche ripudiato Matrona, la figlia di Aznar[6].
Sempre secondo il codice di Roda, García Galíndez il Malvagio si era alleato invece coi Mori (i Banu Qasi) e col re di Pamplona[7], Íñigo I Arista, di cui avrebbe sposato la figlia, Nunila[6].
L'esilio di Aznar, secondo lo storico aragonese, Joaquín Traggia, sarebbe confermato da un documento, del 26 agosto 863, in cui il nipote Guitisclo dichiara di aver ricevuto una proprietà dalla zia paterna, Eilona, che a sua volta l'aveva ricevuta dal padre, Aznar, quando era andato in esilio[2].

Secondo il codice di Roda, queste vicende avvennero prima dell'814, perché Aznar andò nel regno dei Franchi e si prostrò ai piedi dell'imperatore, Carlo Magno[8].
Secondo lo storico spagnolo, originario della Navarra, José María Lacarra y de Miguel, questi avvenimenti sarebbero invece posteriori di qualche anno, dopo l'820 e l'imperatore era Ludovico il Pio[9].

La marca di Spagna ai tempi di Carlo Magno

Chiunque sia stato l'imperatore, comunque, compensò Aznar con le contee di Urgell e Cerdagna[8], che dall'824, governò assieme al figlio, Galindo I Aznárez.

Non si conosce l'anno esatto della morte, ma secondo il codice di Roda, morì nella contea di Urgell, dove fu tumulato[8], dopo l'838.

Discendenza[modifica | modifica sorgente]

Aznar da Eneca, ebbe, secondo il codice di Roda, tre figli[5] (oppure quattro o cinque[2]):

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Per alcuni storici Aznar I Galíndez e Aznar I Sánchez, conte di Guascogna, sono la stessa persona. Mentre, per altri, la maggioranza, no.
  2. ^ a b c d e (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy : Dinastie comitali aragonese-AZNAR Galíndez
  3. ^ a b (EN) #ES Foundation for Medieval Genealogy : Dinastie comitali aragonese-GALINDO García
  4. ^ a b Il codice di Roda, compilato nel X secolo con qualche aggiunta dell'XI secolo, si occupa della storia e delle genealogie del periodo alto-medioevale della zona a cavallo dei Pirenei, quindi soprattutto regno di Navarra e Marca di Spagna.
  5. ^ a b (LA) Codice di Roda, par. 18 pag 240
  6. ^ a b c d e (LA) Codice di Roda, par. 19 pag 241
  7. ^ Il regno di Pamplona in breve tempo si era allargato su tutta la regione, che a cavallo dei Pirenei, era chiamata Navarra; però i suoi re continuarono a titolarsi ufficialmente, re di Pamplona. Solo nel corso del XII secolo il titolo di re di Navarra si impose definitivamente.
  8. ^ a b c (LA) Codice di Roda, par. 20 pag 242
  9. ^ (LA) Codice di Roda, par. 20, nota 20, pag 242
  10. ^ (LA) Codice di Roda, par. 21, pag 242

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Fonti primarie[modifica | modifica sorgente]

Letteratura storiografica[modifica | modifica sorgente]

  • Rafael Altamira, Il califfato occidentale, in «Storia del mondo medievale», vol. II, 1999, pp. 477–515.
  • Gerhard Seeliger, Conquiste e incoronazione a imperatore di Carlomagno, in «Storia del mondo medievale», vol. II, 1999, pp. 358-396
  • René Poupardin, I regni carolingi (840-918), in «Storia del mondo medievale», vol. II, 1999, pp. 583–635.
  • (EN) The Development of Southern French and Catalan Society, 718-1050

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Conte di AragonaBlason Royaume d'Aragon ancien.svg Successore
Aureolo 809–823 García Galíndez il Malvagio
Predecessore Conte di Urgell Urgell.png e
Conte di Cerdagna Armoiries Cerdagne.svg
Successore
Borrel 823–838 Galindo I Aznárez