Ayya Vaikundar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Ayya Vaikundar (in caratteri tamil அய்யா வைகுண்டர்), originariamente chiamato Mudisudum Perumal, è il profeta e figlio di Dio considerato tale dall'Ayyavalismo, religione da lui stesso fondata e oggi discretamente diffusa nel sud dell'India. Secondo l'Akilam, il principale testo sacro della religione ayyavali, Ayya fu l'avatar di Visnu — chiamato Narayana nello scritto — venuto a porre fine al Kali Yuga indicando al genere umano la strada verso la salvezza. Ad Ayya l'Akilam si riferisce nominandolo spesso Sampooranathevan, il nome di un deva, considerandolo quindi una divinità incarnata. L'esatta data di nascita di Mudisudum Perumal è sconosciuta. È scritto nell'Akilattirattu Ammanai che quando il corpo di Mudisudum Perumal si immerse nel mare aveva ventiquattro anni di età, per questo suole far risalire la data di nascita al 1809, anche se diversi storici pongono come data più opinabile il 1810. In ogni caso sia il giorno che il mese restano del tutto ignoti.

Nascita del corpo e dello spirito[modifica | modifica sorgente]

Nel 1809 nacque un bambino dalla coppia formata da Ponnu Nadar e Veiyelal, originaria dell'India meridionale, proveniente per la precisione dalla cittadina di Swamitoppe del distretto indiano di Kanyakumari. I due appartenevano alla casta Chanar che era allora considerata dalla società del tempo la casta più umile. Essendo molto poveri battezzarono loro figlio con il nome di Mudisudum Perumal — il cui significato è il Signore Visnu incoronato — con evidenti intenti benauguranti. Tuttavia, a causa dello sdegno di appartenenti alle caste superiori dovettero cambiare il nome del piccolo in Mutukutty. Il testo sacro chiamato Akilam riporta la leggenda secondo la quale il bambino nacque morto e l'anima del deva Sampuranatevan si incarnò in lui. Sempre secondo la leggenda i suoi genitori videro il loro figlio immobile nei momenti immediatamente successivi alla nascita per poi cominciare a muoversi normalmente. Diventato ragazzo Mutukutty mostrò uno spirito molto religioso; era particolarmente devoto al dio Visnu e per questo motivo la leggenda narra che il giovane avesse edificato un altare dedicato al dio nella propria casa, per potersi dedicare pienamente al culto. All'età di diciassette anni il giovane sposò Tirumalammal proveniente dal vicino villaggio di Puviyur e con lei condusse una normale esistenza matrimoniale. Tuttavia esistono alcune varianti della leggenda secondo le quali i due giovani non erano in realtà sposati e secondo cui la ragazza aveva accettato di dimorare con Ayya per meglio servirlo ed assisterlo in segno di devozione.

L'incarnazione[modifica | modifica sorgente]

All'età di ventiquattro anni Mutukutty si ammalò gravemente e sua madre lo portò presso un tempio a Tirucendur durante una festività. Nel luogo sacro il ragazzo scomparve inghiottito dal mare. I suoi genitori cercarono il giovane per un'intera giornata ma tre giorni dopo apparve sulla spiaggia il dio Visnu che la madre di Mutukutty abbracciò, avendolo scambiato per il figlio. Tuttavia il dio disse di non essere più suo figlio ma il figlio di Narayana, dirigendosi poi verso Detchanam. Il luogo di questa apparizione è sacro ai devoti ayyavali; vi si trova oggi un tempio importante, costruito in seguito agli eventi prodigiosi verificatisi, chiamato tempio di Avatarappati.