Aymo Maggi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aymo Maggi
Cg41.jpg
Aymo Maggi su una Bugatti 35 nella sua prima vittoria sul Garda
Dati biografici
Nazionalità bandiera Italia
Automobilismo Casco Kubica BMW.svg
 

Conte Aymo Maggi (Brescia, 30 luglio 190323 ottobre 1961) è stato un pilota automobilistico italiano, uno dei creatori e organizzatori della Mille Miglia.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato da ricca famiglia dell'aristocrazia bresciana, fu ben presto un appassionato corridore automobilistico, correndo nel 1922 il suo primo gran premio e conseguendo la prima vittoria nel 1924 nella corsa in salita Gargnano-Tignale.

Proseguì nelle corse correndo con una Bugatti e divenendo anche amico di Ettore Bugatti Nel 1922 venne spostato il Gran Premio automobilistico da Montichiari in provincia di Brescia[1] al circuito di Monza, come reazione a questa decisione il conte Aymo Maggi col suo amico il conte Franco Mazzotti, primo costruttore di vetture monoposto, decisero di trasformare quella che era la loro sfida settimanale di corsa contro il treno da Brescia a Milano in una vera gara automobilistica: la Mille Miglia.

Da quell'anno il conte Maggi, pur continuando a partecipare a competizioni automobilistiche anche internazionali, si occupò in prima persona dell'organizzazione della Mille Miglia fino al 1957 quando l'incidente mortale di Alfonso De Portago con la morte del pilota e di nove spettatori decretò la fine della corsa.

Addolorato, Maggi si ritirò dal mondo delle corse automobilistiche facendo il viticoltore nell'azienda di famiglia a Calino in Franciacorta. Ebbe un primo infarto nel 1959, ed un secondo attacco di cuore gli fu fatale il 23 ottobre 1961.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Brescia aveva ospitato nel 1921 il primo gran premio d'Italia

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 38454580