Axel Rudi Pell

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Axel Rudi Pell
Axel Rudi Pell al Wacken Open Air 2009
Axel Rudi Pell al Wacken Open Air 2009
Nazionalità Germania Germania
Genere Heavy metal[1][2]
Hard rock[1]
Periodo di attività 1984 – in attività
Strumento Chitarra
Etichetta SPV GmbH
Gruppi Steeler
Album pubblicati 26
Studio 18
Live 2
Raccolte 6
Sito web

Axel Rudi Pell (Bochum, 27 giugno 1960) è un chitarrista heavy metal tedesco. Conosciuto con il soprannome The German Guitar Wizard , esordì nel mondo musicale suonando negli Steeler, con la quale si esibì dal 1984 al 1988 pubblicando quattro album. Nel 1989 decise di lasciare il gruppo per fondare una sua band, gli Axel Rudi Pell, con la quale ha fino ad oggi pubblicato 12 album in studio.

Tra i suoi gruppi e artisti preferiti, gli stessi descritti come sue maggiori fonti di ispirazione, troviamo i Rainbow, i Deep Purple, Ronnie James Dio, Ritchie Blackmore, Uli Jon Roth, Jimi Hendrix, Michael Schenker e Yngwie Malmsteen, Kiss.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

La carriera musicale di Axel Rudi Pell iniziò nel 1980 quando si unì nel ruolo di chitarrista alla band heavy metal Steeler, con la quale pubblicò un totale di quattro album, vendendo oltre 30,000 copie del loro maggiore successo, l'album Strike Back. Nel 1988, dopo la pubblicazione di Undercover Animal, la band si sciolse.

Nel novembre dello stesso anno, Pell fondò il suo omonimo gruppo, gli Axel Rudi Pell, assieme a Jörg Deisinger (ex-Bonfire), Jörg Michael, Thomas Smuszynski (ex-U.D.O.) e Charlie Huhn (Ted Nugent, Gary Moore, Victory). L'album di debutto, Wild Obsession, fu pubblicato l'anno seguente, e ad esso seguì Nasty Reputation, per il quale Pell ingaggiò alla voce Rob Rock (M.A.R.S, Impellitteri), il quale fu però sostituito già durante la tournée da Jeff Scott Soto. Con il nuovo cantante la band pubblicò Eternal Prisoner (1992), a cui seguiranno la raccolta The Ballads, Between the Walls (1994), il live Made in Germany, dischi che contribuirono notevolmente ad aumentare la fama del chitarrista e di conseguenza del gruppo. Il disco Black Moon Pyramid (1996) raggiunse le classifiche nazionali, come il seguente Magic, il quale inaugurò l'idea del concept fantascientifico che sarà il tema dominante delle successive pubblicazioni discografiche.

Dopo questa pubblicazione, Soto lasciò il gruppo e venne sostituito da Johnny Gioeli alla voce. L'album Oceans of Time fu il disco di maggiore successo commerciale della carriera del chitarrista e pose le basi per i successivi album, The Masquerade Ball (2000), Shadow Zone (2002), Kings & Queens (2004), Mystica (2006), a cui seguì Tales of the Crown (2008), numero 41 nelle classifiche tedesche.

Nel 2010 è uscito The Crest, nel 2012 Circle of the Oath e nel 2014 Into The Storm.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

con gli Steeler[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Steeler (gruppo musicale tedesco)#Discografia.

con gli Axel Rudi Pell[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Axel Rudi Pell (gruppo musicale)#Discografia.

Strumentazione[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b allmusic.com - Axel Rudi Pell
  2. ^ heavymetal.about.com - Lista gruppi Traditional heavy metal

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 12506019 LCCN: no/2008/58687

Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal