Avviso di pericolosità sociale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un Avviso di pericolosità sociale o ADiPeS[senza fonte] è una legge civile di common law contro una persona che ha dimostrato, sulla base di prove, di aver partecipato a comportamenti anti-sociali. L'ordine, introdotto nel Regno Unito dal primo ministro Tony Blair nel 1998,[1] è stato progettato per prevenire piccoli incidenti che non richiedono necessariamente un'azione penale.[2] Gli ordini consistono nel limitare il comportamento in qualche modo, ad es. vietando il ritorno in una certa area o in un istituto, o limitare comportamenti individuali come, ad es., frequentare bordelli o pub. Nel luglio 2010, il nuovo ministro Theresa May ha annunciato la sua intenzione di riformare le misure di comportamento anti-sociale per Inghilterra e Galles con l'abolizione dell'ADiPeS a tempo debito a favore di politiche alternative di difesa sociale.[3]

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Gli ADiPeS sono stati introdotti in Inghilterra, Scozia e Galles dal Crime and Disorder Act del 1998. Più tardi la legislazione ha rafforzato la sua applicazione: in Inghilterra e nel Galles questo è stato in gran parte attraverso la Anti-social Behaviour Act 2003, in Irlanda del Nord attraverso un Ordine del Consiglio e in Scozia con l'antisociale e sessuale Comportamento ecc. (Scotland) Act 2004[4] Scozia, invece, ha una esistente tribunale accusato di trattare con i bambini e i giovani che offendono, il Sistema di audizioni minorili

In un comunicato stampa del 28 ottobre 2004, Tony Blair e David Blunkett ha annunciato ulteriori misure per estendere l'uso e la definizione di ADiPeS.[5] Il mandato dovrebbe includere.:

  • Ampliamento del programma di protezione testimoni nei casi di comportamento anti-sociale.
  • Più giurisdizioni competenti in materia.
  • Altri reati tra cui abbandono di animali, di rifiuti, graffiti, e disturbo della quiete pubblica.
  • Dare ai consigli parrocchiali in Inghilterra il potere di emettere decreti penali per le infrazioni.

Il comunicato stampa concludeva osservando che:

In the past year around 100,000 cases of anti social behaviour have been dealt with. 2,633 ASBOs and 418 dispersal orders have been issued in the same period.

Il 25 ottobre 2005, la Transport for London ha annunciato l'intenzione di richiedere una nuova legge dando loro il potere di emettere ordinanze contro evasori fiscali, e multe aumentate.[6] Il primo ADiPeS è stato comminato a Kat Richards per ripetuti comportamenti di ubriachezza e molestie. Alla data di 31 marzo 2004, erano state emesse 2455 ADiPeS in Inghilterra e Galles. Il 30 marzo 2006, l'Home Office ha annunciato che 7.356 ordini erano stati comminati a partire dal 1999 in Inghilterra e Galles.[7]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Nel Regno Unito, un ADiPeS può essere rilasciato in risposta a «una condotta che ha causato o era suscettibile di causare danni, (molestia, allarme o disagio), per una o più persone non della stessa casa e dove un ADiPeS è visto come necessario per proteggere le persone rilevanti da ulteriori danni anti-sociali da parte del convenuto».[8] In Inghilterra e in Galles emesse da Magistrates 'Courts, in Scozia del Sceriffo Corti.

Un ADiPeS in una via a Richmond

Il governo britannico ha introdotto ADiPeS dal Crime and Disorder Act del 1998. Nel Regno Unito, un CRASBO è un criminale correlato all'ADiPeS che si caratterizza per una serie di comportamenti anti-sociali che comprendono:[9][10][11]

Cosa comporta un ADiPeS[modifica | modifica sorgente]

Requisiti di procedibilità[modifica | modifica sorgente]

Le domande di ADiPeS sono giudicate da magistrati nelle loro competenze civili. Anche nonostante il procedimento civile, il giudice deve applicare un onere legale della prova. Questo standard è virtualmente indistinguibile dalla norma penale.[12] Il richiedente deve soddisfare la corte "in modo che sia sicuro" che l'imputato ha agito in modo anti-sociale. Allo stesso modo il giudice deve essere "soddisfatto in modo che sia sicuro" ed ha lo stesso valore che un giudice dà a una giuria in un caso di un criminale sentito dalla Crown Court, ed è anche conosciuto come soddisfare la corte al di là di ogni ragionevole dubbio.[13]

Ai sensi dell'art 1 del Civil Evidence Act 1995, il richiedente (o un convenuto) ha il diritto di avvalersi di dichiarazioni dei testimoni senza chiamare i responsabili di tali dichiarazioni - noto come “sentito dire”. Poi l'altra parte ha il diritto di chiedere al tribunale l'autorizzazione a chiamare quella testimonianza per l'interrogatorio[14]

Se il giudice si rifiuta di accogliere una domanda, allora l'imputato non sarà in grado di sfidare i responsabili delle affermazioni per sentito dire. Tuttavia, è aperto per loro per presentare che il giudice dovrebbe mettere poco o nessun peso su un materiale che non è stato sperimentato nell'ambito del contraddittorio.

L'Evidence Act 1995 Sezione 4 stabilisce che:

... nello stimare il peso (se presente) da dare alla prova sentito dire in un procedimento civile il giudice tener conto di tutte le circostanze da cui ogni inferenza può ragionevolmente trarre l'affidabilità o meno delle prove.[15]

L'Alta Corte ha sottolineato che l'uso delle parole "eventuali" dimostra che le prove “per sentito dire” non possono avere lo stesso peso di tutti gli altri[16] Per un ADiPeS da fare, il richiedente deve dimostrare, oltre ogni ragionevole dubbio, che il soggetto si è comportato in un modo anti-sociale. Il richiedente può avvalersi anche di evidenze orali. Tuttavia, la Corte d'Appello ha dichiarato che non si aspetta di trovare un tribunale basandosi unicamente su prove per “sentito dire”. Il Civil Evidence Act 1995 chiarisce che i tribunali dovrebbero considerare caso per caso. In altre parole, la Corte d'appello ancora una volta ha ribadito che i giudici dovrebbero prendere in considerazione tutti i materiali, secondo le parole dello statuto.[17].

È compito del giudice di decidere quale peso dare alle prove per “sentito dire”. La Corte d'appello ha dichiarato che l'elevato standard di prova è difficile da soddisfare se l'intero caso, o la maggior parte di esso, si basa su prove per sentito dire.[18] L'approccio giusto per un tribunale è di considerare in che misura la prova è per “sentito dire”. Tra l'altro, sostenuta da altre evidenze, la forza di persuasione consiste nella capacità di sostenere le istanze di prove per “sentito dire” e la “cogenza” è l'affidabilità delle prove contraddittorie fornite da un imputato.

Se, per es., dieci testimoni anonimi che non sono in combutta gli uni agli altri devono fornire una dichiarazione di testimonianza all'imputato sui comportamenti anti-sociali, lo devono fare in modo in cui ogni affermazione si riferisce in modo indipendente agli stessi eventi particolari e dove è supportata ogni dichiarazione sia da un testimone sia da un testimone anonimo, come un ufficiale di polizia, che confermi che i residenti hanno presentato denunce di una data persona in un dato periodo di tempo affinché il giudice possa emettere la sentenza, secondo quelle affermazioni su cui ha conferito un diverso peso.

AdiPeS frequenti[modifica | modifica sorgente]

Un ordine può contenere solo divieti negativi. Non può contenere un obbligo positivo[19] Per ottenere un ADiPeS, devono essere soddisfatte due condizioni da parte dell'autorità richiedente (vedi S.1 (1) Crime and Disorder Act del 1998):

  1. l'imputato deve aver commesso atti che causano o possono causare molestia, allarme o disagio entro sei mesi dalla data di emissione della denuncia.
  2. un ordine è necessario per proteggere le persone da ulteriori comportamenti anti-sociali.

Il richiedente dell'ADiPesS deve dimostrare alla corte che l'individuo ha agito in modo anti-sociale, in altre parole, in un modo che ha causato o avrebbe potuto causare molestia, allarme o disagio per una o più persone non dello stesso nucleo familiare.[20] Un tribunale può ordinare che una ADiPeS solo se tale ordine è 'necessario'.[21] Inoltre, ogni atto proibito di solito è un atto preparatorio per un altro reato piuttosto che il reato per il quale è stata presentata la denuncia, ma non sempre[22]. Inoltre, ogni divieto deve essere necessario, per es., può essere inappropriato per una condotta di affissione vietata, oppure in contrasto con il divieto di emissione di una vernice spray in grado di imbrattare una superficie particolare. L'ordine sarà necessario solo se il giudice sia sicuro che il convenuto ha continuamente effettuato delle affissioni o utilizzato impropriamente delle bombolette spray in una zona specifica.

Un ordine deve essere comminato su misura per il singolo imputato, quindi l'ADiPeS rappresenta "una forma personalizzata di diritto penale"[23] In tal senso l'apporto dei servizi sociali è fondamentale per redigere le dovute relazioni o inchieste sociali alla Corte[24]

Un AdiPeS, dal punto di vista strettamente giuridico, è molto simile ad una ingiunzione civile, anche se le differenze sono importanti. In primo luogo, l'ingiunzione si propone di proteggere la società in generale, in una determinata area residenziale, piuttosto che sulla base di un solo individuo. In secondo luogo, la violazione di un ADiPeS è un reato penale tanto da essere giudicato da un tribunale penale in applicazione di norme penali al di là di ogni ragionevole dubbio[25] Un ordine di rinvio in carcere è raccomandato per la violazione di una ingiunzione civile, ma è improbabile che un tribunale possa esercitare tale potere. Una persona colpita da un AdiPeS per un dato comportamento, ma non per un reato che ha commesso, ha diritto di appello sia contro la comminazione dell'ordine e sia contro le sue condizioni ad un Tribunale superiore. C'è anche la disponibilità di un ricorso alla Corte suprema per mezzo del cd. "caso dichiarato". Non vi è alcun ricorso, invece, contro la variazione degli ordini,[26] nonché quando la variazione sia stata usata per aggiungere condizioni supplementari o peri estendere la durata di un ADiPeS.

La domanda di ADiPeS è considerata dal giudice nella sua giurisdizione civile ed è un ordine civile a tutti gli effetti. Tuttavia la violazione di un ADiPeS è un reato penale e la condanna può comportare fino a cinque anni di carcere. La legislazione ancora in vigore costringe i magistrati a comminare un ordine su un minorenne per violazioni di AdiPeS, sebbene di durata inferiore a quelle contemplate per gli adulti.[27][28][29][30]

Altri esempi:

AdiPeS meno frequenti[modifica | modifica sorgente]

È meno comune ma più convenzionale, come indicato da una relazione al Ministero dell'Interno, AdiPeS che includono le seguenti situazioni:

  • Due ragazzi adolescenti da est Manchester hanno subito il divieto di indossare un guanto da golf, inteso come un simbolo di appartenenza ad una gang particolare.[11]
  • A 13 anni gli è stato vietato di usare la parola "erba". Come termine di abuso al fine di minacciare le persone[11]
  • A 15 anni, il divieto di gioco del calcio nella sua strada[11]
  • Ad un ragazzo di 18 anni, è stato proibito di radunarsi con più di tre ragazzi, e successivamente arrestato quando entrò un club molto popolare. Il tema in programma per quel giorno è stato come affrontare i comportamenti antisociali.[11]
  • L'agricoltore primo ad essere dato un ADiPeS è stato incaricato di mantenere la sua oche e maiale s di danneggiare la proprietà del suo prossimo.[11]
  • Il più vecchio destinatario di un ADiPeS, un uomo di 87 anni che era sarcastico coi suoi vicini.[11]
  • A due anni un ragazzo è stato accusato di calciare un pallone sulle finestre oltre un recinto ed insultato i residenti quando gli veniva chiesto di fermarsi. Questo, tuttavia, si rivelò essere un falso allarme della polizia[39].
  • Ad una donna è stato vietato di fare eccessivo rumore durante il coito ovunque in Inghilterra.[40]

Prospettive sull'AdiPeS[modifica | modifica sorgente]

Dalla loro nascita, gli ADiPeS sono stati controversi. Sono stati criticati come "senza giustificazione forte e di principio",[41] una distrazione dal fallimento della legge del governo e per le politiche,[42] una "ricetta per vigilantismo istituzionalizzato",[43] e un "emblema del populismo punitivo"[44] Andrew Rutherford ha commentato che "ASBO offre un esempio particolarmente evidente della criminalizzazione della politica sociale".[45] Un sondaggio di MORI pubblicato il 9 giugno 2005 ha rilevato che l'82% dei cittadini britannici erano favorevoli all'ADiPeS, tuttavia, solo il 39% ritiene fossero efficaci nella loro forma attuale.[46]

Andrew Ashworth è un critico dell'ADiPeS per criminalizzare un comportamento che altrimenti sarebbe lecito. Altre persone hanno espresso preoccupazioni circa la natura aperta di sanzioni - che è, non c'è restrizione su che cosa il giudice può imporre i termini del ADiPeS, e restrizione su che cosa possono essere designati come comportamento antisociale. I critici hanno segnalato che solo il 3% delle applicazioni ADiPeS sono state rifiutate.[47] Nel luglio 2007 il Mediatore del governo locale ha pubblicato un rapporto criticando il Manchester City Council per servire un ADiPeS basa esclusivamente su rapporti non corroborate da evidenze da un vicino, e il Consiglio ha accettato di pagare £ 2000 a titolo di risarcimento.[48]

Un memorandum del 2005 presentato dall'Associazione Nazionale di Probation Officers (NAPO) ha affermato che "vi è ampia evidenza il rilascio di ADiPeS da parte dei tribunali di essere incoerenti e quasi una lotteria geografica. C'è grande preoccupazione che le persone stanno in carcere a seguito della violazione di un ADiPeS in cui la colpa originale si era non la detenzione. Vi sono anche prove che ADiPeS sono stati utilizzati dove la gente ha salute mentale problemi in cui il trattamento sarebbe più appropriato. Secondo il NAPO il momento giusto per una revisione di fondo del ricorso e l'adeguatezza dei ADiPeS comportamento da parte della Office Home."[11]

Nel 2002, i dati del Ministero dell'Interno hanno affermato che nei casi in cui le informazioni erano disponibili, vi era un'alta proporzione in cui le circostanze attenuanti sembravano aver contribuito al loro comportamento. Quasi un quinto ha avuto un problema di abuso di droga e un sesto ad abuso di alcolici. Nel complesso il 44% ha avuto un problema di abuso di sostanze o difficoltà di apprendimento e un ulteriore 16% di persone con problemi psicologici e di comportamento in famiglia.[49] Risultati simili si trovano in Scozia. Una revisione casefile ha mostrato che il 55% di coloro che avevano dato ADiPeS abuso di sostanze, salute mentale, disabilità o problemi di apprendimento. ("L'uso di ADiPeS In Scozia", H. Pawson, Scuola dell'ambiente costruito, Herriot-Watt University, Edinburgh, 2007.)

Un sondaggio della gioventù del British Institute for Children with Brain Damages nel 2005 ha mostrato che il 38% di ADiPeS è stato comminato ai giovani con significativi disturbi mentali. Problemi inclusi depressione clinica / tendenze suicide, autismo, psicosi, disturbi della personalità, difficoltà di apprendimento, e ADHD. Al contrario, la stessa indagine di squadre ADiPeS ha dato solo una incidenza del 5% riferito di problemi psichici. Questa differenza enorme suggerisce che la maggior parte dei team ADiPeS non prendono in considerazione i problemi di salute mentale, anche se le garanzie Ministero dell'Interno per le persone vulnerabili nel processo ADiPeS lo richiedono.

L'efficacia dell' ADiPeS è stata messa in discussione dalla Camera dei Comuni dove si è affermato che vi sono state circa 53,7% di violazioni in Inghilterra nel 2005, 69,4% nel 2006;. 70,3% nel 2007[50] Nelle grandi città i tassi di violazione possono essere superiori: a Manchester ha raggiunto il 90,2% nel 2007. Ciò solleva una questione interessante: il primo test per giustificare il rilascio di un ADiPeS non risponde ad alcun standard penale. La seconda prova è che l'ordine è necessario per prevenire future condotte anti-sociali e di fornire protezione alla vittima. Tuttavia la norma penale non è applicata a regola d'arte. Infatti Lord Steyn (House of Lords in R(relativo all'applicazione dei McCann) contro Manchester Crown Court, 2003 1 AC 787.812, comma 37) ha detto che tale ordine è necessario per proteggere le persone da ulteriori atti anti-sociali, non comporta un livello di prova: è un esercizio di giudizio o valutazione.

Con gli attuali tassi di criminalità nazionale del 70%, più alta in alcune città, e un tasso di circa il 98% di successo nel concedere ordini di ADiPeS, qualsiasi giudizio, in pratica, deve frequentemente essere difettoso.

Secondo le valutazioni del governo (ad esempio Housing Sommario di Ricerca n. 230 DfCLG) nel sostegno alle famiglie di tipo intensivo (Sin Bin) progetti presentati per integrare ADiPeS, l'80% delle famiglie aveva problemi mentali gravi e/o di salute fisica e problemi di difficoltà di apprendimento: una su cinque famiglie hanno bambini affetti da Disturbo da deficit di iperattività, il 60% delle famiglie sono state riconosciute come vittime di condotta anti-sociale. I project manager hanno descritto molte famiglie come un “facile capro espiatorio” nelle controversie legali. Il HRS 230 richiede una revisione della politica ADiPeS e delle procedure di indagine per rendere l'intero processo più equo.[51]

In uno studio successivo su 53 progetti da parte del Centro Nazionale per la Ricerca Sociale è emerso che il 42% dei bambini con problemi di salute mentale sono stati segnalati per iperattività, e il 29% per depressione o stress. Tra gli adulti, il 69% ha avuto la depressione[52]

Una successiva revisione completa dei progetti di intervento familiare da oltre un decennio ha trovato poche evidenze oggettive di significativa riduzione della condotta anti-sociale nelle famiglie, ed ha concluso che molti problemi di salute mentale e della disabilità sono rimasti in gran parte immutati.[53]

Nel Regno Unito molti vedono l'ADiPeS come un sistema esclusivamente rivolto ai giovani delinquenti.[54] Addirittura, vi è stata la critica che un ADiPeS a volte è visto come un forma di prestigio sociale da parte loro.

Nacro[modifica | modifica sorgente]

Il più grande ente di giustizia penale e di beneficenza in Inghilterra e Galles, la Nacro, ha pubblicato due relazioni: la prima sostenendo che ADiPeS sia un fallimento dovuto ai costi e troppo lento nei procedimenti;[55] e il secondo criticando il loro uso da parte del giudice, aggiungendo che sono comminati troppo in fretta, prima che le alternative fossero formulate[56]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ ASBOs can't beat a neighborhood policeman Times Online 30 September 2009
  2. ^ BBC Q&A Anti-social behavior orders
  3. ^ BBC News 28 July 2010
  4. ^ "Antisocial Behaviour etc. (Scotland) Act 2004: Guidance on Antisocial Behaviour Orders", Scottish Executive. "Guidance on Antisocial Behaviour Orders: Antisocial Behaviour etc. (Scotland) Act 2004 (333 KiB)" URLs accessed on 18 June 2007.
  5. ^ "Press Briefing: 3.45pm Thursday 28 October 2004", 10 Downing Street. Ultimo accesso: 18 giugno 2006.
  6. ^ Plans for £50 fare-dodger fines, BBC News, 25 October 2005. Ultimo accesso: 18 giugno 2006.
  7. ^ "Asbo total hits 7,356", The Register, 30 marzo 2006. Ultimo accesso: 18 giugno 2006.
  8. ^ "Crime and Disorder Act 1998 s.1(1)", Office of Public Sector Information. Ultimo accesso: 18 giugno 2006.
  9. ^ Warwickshire Police Media Portal - Images of ASBO and CRASBO Offenders Published On Warwickshire Police Website
  10. ^ John Flint e Judy Nixon, Governing neighbours: Anti-social behaviour orders and new forms of regulating conduct in the UK in Urban Studies, vol. 43, nº 5, 2006, pp. 939–955, DOI:10.1080/00420980600676386.
  11. ^ a b c d e f g h Home Affairs - Written Evidence: 19. Memorandum submitted by Napo, House of Commons, 22 marzo 2005. Ultimo accesso: 18 giugno 2006.
  12. ^ B v Chief Constable of the Avon and Somerset Constabulary [2000] EWHC 559 QB at [31] and approved in R (McCann) v Crown Court at Manchester [2002] UKHL 39 at [37] and [83]
  13. ^ R v Kritz [1950] 1 KB 82 at 89, approved by the Privy Council in Walters v R [1969] 2 AC 26 at 30
  14. ^ Civil Evidence Act 1995 s.3; Magistrates' Courts (Hearsay Evidence in Civil Proceedings) Rules 1999, r.4
  15. ^ Civil Evidence Act 1995 s 4(1)
  16. ^ R (Cleary) v Highbury Corner Magistrates’ Court [2006] EWCA 1869 (Admin)
  17. ^ Cleary v Highbury Corner Magistrates & (1) Commissioner of Police of the Metropolis and others (2007) 1 WLR 1272; [2006] EWHC 1869.
  18. ^ M v DPP [2007] EWHC 1032 (Admin)
  19. ^ Crime and Disorder Act 1998, s1(4) and 1(6); R (Lonergan) v. Crown Court at Lewes (2005) 2 All ER 362
  20. ^ Crime and Disorder Act 1998, s1(a)
  21. ^ Crime and Disorder Act 1988 s1(b)
  22. ^ Causa contro Rabess, Commissariato di polizia della metropoli 2007 EWHC 208 (Admin)
  23. ^ Leng, Taylor, and Wasik, Blackstone's Guide to the Crime and Disorder Act 1998, Londra, Blackstone Press, 1998, p. 13, ISBN 978-1-85431-848-0.
  24. ^ R v. Dean Boness [2005] EWCA Crim 2395
  25. ^ Greatorex & Falkowski, Anti-Social Behaviour Law, Bristol, Jordans, 2006, p. 120, ISBN 978-1-84661-002-8.
  26. ^ Barrister wins in tussle over Asbos, LDP Legal Week, 2008.
  27. ^ Crime and Disorder Act 1998 s.8A (2), inserita da Crime and Security Act 2010 s 0,41
  28. ^ Crime and Disorder Act 1998 s.8A(2), in Crime and Security Act 2010 s.41
  29. ^ Jon Mack, Anti-social Behaviour and Parenting Orders in JPN, vol. 174, 2010, p. 347.
  30. ^ Jon Mack, Anti-Social Behaviour and Parenting Orders in JPN, vol. 175, 2011, p. 269.
  31. ^ "TfL wins first Asbo against graffiti vandal" Wikinews, 25 September 2007
  32. ^ "How ASBOs have worked" CrimeReduction.gov.uk, 6 September 2006
  33. ^ a b "Asbo for youth who terrorised neighbours" Rochdale Observer, 16 March 2007, Helen Johnson
  34. ^ ASBO for abusive Rochester Square resident, Camden Council, 13 January 2005
  35. ^ "Top music chiefs are spared ASBOs" BBC News, 14 June 2004
  36. ^ "Man banned from organising raves" BBC News, 14 June 2006
  37. ^ "Cases of ASBOs used for general public order issues" Statewatch's ASBOWatch
  38. ^ "Arrest of Asbo 'suicide' woman" BBC News, 27 February 2006
  39. ^ Daily Mail Reporter (20 March 2009). Boy aged TWO is youngest Briton to be threatened with an Asbo after he is accused of verbally abusing adults. Daily Mail, 20 March 2009. Retrieved from http://www.dailymail.co.uk/news/article-1163528/Boy-aged-TWO-youngest-Briton-threatened-Asbo-accused-verbally-abusing-adults.html.
  40. ^ "Woman held for noisy sex breach" BBC News, 27 April 2009
  41. ^ Ashworth, Andrew, Social Control and Antisocial Behaviour: The Subversion of Human Rights in Law Quarterly Review, vol. 120, 2004, p. 263.
  42. ^ HL Deb, 12 Mar 2003, c 1324 (Lord Dholakia)
  43. ^ Morgan and Carlen, Crime Unlimited?, Basingstoke, Palgrave Macmillan, 1998, ISBN 978-0-333-72502-3.
  44. ^ Elizabeth Burney, Talking Tough, Acting Coy in The Howard Journal, vol. 41, nº 5, 2002, p. 469.
  45. ^ Andrew Rutherford, An Elephant on the Doorstep, Oxford, Hart, 2000, p. 56.
  46. ^ "Public Concern About ASB And Support For ASBOs", MORI, 10 giugno 2005. Ultimo accesso: 18 giugno 2006.
  47. ^ "A triumph of hearsay and hysteria" The Guardian, 5 April 2005
  48. ^ "'False' Asbo woman wins payout" BBC, 5 July 2007
  49. ^ Siobhan Campbell: A review of anti-social behaviour orders (2002) Home Office Research Study 236
  50. ^ UK Parliament Written answers and statements, Antisocial Behaviour Orders, 10 novembre 2009.
  51. ^ Anti-social Behaviour Intensive Family Support Projects
  52. ^ Family Intervention Projects: An Evaluation of Their Design, Setup & Early Outcomes; NCSR, 2008
  53. ^ 'Family Intervention Projects: A classic case of policy based evidence', Centre For Crime & justice Studies, Kings College, London, June 2010; Professor D P Gregg.
  54. ^ Youth Justice Board Study (2006) Conducted by NACRO, Solanki, Bateman, Boswell and Hill
  55. ^ Failure of policy in tackling anti-social behaviour, Nacro, 12 novembre 2002. URL consultato il 3 gennaio 2007.
  56. ^ ASBOs oversold as the answer to antisocial behaviour, Nacro, 7 dicembre 2006. URL consultato il 3 gennaio 2007.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]