Avventura nella preistoria - I mostri marini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avventura nella preistoria - I mostri marini
Sea Monsters Logo.png
Titolo originale Sea Monsters: A Prehistoric Adventure
Paese di produzione USA
Anno 2007
Durata 86 min.
Colore colore
Audio sonoro
Genere documentario, avventura
Regia Sean MacLeod Phillips, David Bryant
Produttore National Geographic Society
Casa di produzione National Geographic Society
Distribuzione (Italia) National Geographic
Fotografia Liam Owen
Montaggio Mark Goldblatt
Effetti speciali Christopher Francis Woods
Musiche Peter Gabriel
Scenografia David L. Snyder
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Avventura nella preistoria - I mostri marini (Sea Monsters: A Prehistoric Adventure) è un film del 2007, prodotto dalla National Geographic Society e distribuito in 3D e girato con la computer grafica e musica Ambient. Il film è diviso in due parti: la prima, girata principalmente in computer grafica, si intitola I mostri marini ed è ambientato sulla terra 80 milioni di anni fa e ha come protagonisti gli incredibili rettili marini che dominavano gli oceani; il secondo è invece un documentario sulla paleontologia che si intitola Un mistero preistorico.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

I mostri marini[modifica | modifica wikitesto]

Ambientato nel mare del Kansas 80 milioni di anni fa durante il periodo del tardo Cretaceo, ha come protagonista Dolly, una femmina di Dolichorhynchops, insieme alla sua famiglia. Essa viene attaccata da uno squalo (Cretoxyrhina), che, non prima di uccidere la madre di Dolly, viene ucciso da un Tylosaurus. Il Dolichorhynchops protagonista sopravvive con un dente incorporato.
Più tardi, il fratello di Dolly viene divorato intero da un giovane Tylosaurus che cerca di divorare anche Dolly, ma fallisce in quanto viene ucciso da un altro esemplare della sua specie, ma ora Dolly è rimasta da sola. Il Dolichorhynchops, dopo essere riuscita a viaggiare per il mare intero, sfuggire ai pericoli incontrati e aver partorito tre cuccioli, muore serenamente.

Un mistero preistorico[modifica | modifica wikitesto]

È un documentario che vedrà invece un gruppo di archeologi e biologi guidarci alla scoperta di nuove specie preistoriche mai conosciute prima d’ora, in un cimitero di mostri marini fossilizzati nei fondali dell'Artico.

Creature presenti[modifica | modifica wikitesto]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La National Geographic non pubblicò mai la colonna sonora originale del film. Tuttavia, fu distribuita come download la canzone "Different Stories Different Lives" di Peter Gabriel.

Videogioco[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 ottobre 2007 è stato messo in commercio un videogioco intitolato Sea Monsters: A Prehistoric Adventure sviluppato da Destination Software, Inc. e rilasciato per Nintendo Wii, PlayStation 2 e Nintendo DS. Permette ai giocatori di interagire in un mondo preistorico di creature marine. Si possono utilizzare un Thalassomedon, Henodus, Temnodontosaurus, Tylosaurus, Dolichorhynchops e Nothosaurus.

Il videogioco ha ricevuto recensioni negative su tutte le piattaforme.[1][2][3]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante lo scarso successo del videogioco, il film ha ricevuto recensioni molto positive per la sua trama, musica ed effetti speciali. Nel sito web Rotten Tomatoes risulta che il 100% dei critici in 12 recensioni ha dato un giudizio positivo[4], cosa alquanto rara su tale sito.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Amanda Kondolojy, Sea Monsters: A Prehistoric Adventure Review for the Nintendo Wii in Cheat Code Central. URL consultato il 10 agosto 2011.
  2. ^ Sam Bishop, Sea Monsters: A Prehistoric Adventure Review in IGN, 13 giugno 2008. URL consultato il 10 August 2011.
  3. ^ Joey Guacamole, Sea Monsters: A Prehistoric Adventure in ZTGameDomain, 22 gennaio 2011. URL consultato il 10 August 2011.
  4. ^ http://www.rottentomatoes.com/m/sea_monsters_a_prehistoric_adventure/?nopopup=true

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema