Avispa Fukuoka

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Avispa Fukuoka
アビスパ福岡
Calcio Football pictogram.svg
Avi, Hachi (vespa, in giapponese)
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali blu
Dati societari
Città Hakata-ku, Fukuoka
Paese Giappone
Confederazione AFC
Federazione Flag of Japan.svg JFA
Campionato J. League 2
Fondazione 1982
Presidente Tadashi Otsuka (2010-)
Allenatore Yoshiyuki Shinoda (2008-)
Stadio Hakata no Mori Stadium
Hakata-ku, Fukuoka
(22,563 posti)
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

L'Avispa Fukuoka (アビスパ福岡 Abisupa Fukuoka?) è una società calcistica giapponese attualmente militante in J. League 2. "Avispa" significa "vespa" in spagnolo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

A Fujieda[modifica | modifica wikitesto]

Il club venne fondato con la denominazione Chūō Bōhan F.C. nel 1982 dai dipendenti dell'azienda Chuo Bohan in Fujieda, Shizuoka. Venne promosso in Japan Soccer League Divisione 2 nel 1991. Prese parte alla nuova Japan Football League Divisione 2 nel 1992 e venne promosso in Divisione 1 nel 1993. Cambiò denominazione in Chūō Bōhan F.C. Fujieda Blux con l'intenzione di essere ammessa alla J. League, il campionato di Massima Serie nipponico. Tuttavia, i dirigenti del club incontrarono varie difficoltà: prima di tutto lo stadio non era adatto a ospitare partite di J League; inoltre in J League c'erano altre squadre di Shizuoka (Júbilo Iwata e Shimizu S-Pulse) che potevano togliere spettattori al club. Di conseguenza, i dirigenti della squadra decisero di trasferire la squadra a Fukuoka dove la gente era ansiosa di avere una squadra in J. League. Il club cambiò nome in Fukuoka Blux e divenne membro associato della J League.[1]

Nota: il club amatoriale Chūō Bōhan F.C. fu attivo in Fujieda fino al 2006.

1995 (JFL)[modifica | modifica wikitesto]

La loro prima stagione a Fukuoka li vide vincere il campionato di JFL grazie anche al contributo offerto in campo dall'argentino Hugo Maradona e vennero promossi in J. League.

1996 - 1998 (J. League)[modifica | modifica wikitesto]

La società decise di cambiare nome in Avispa Fukuoka per evitare potenziali problemi di copyright con la Brooks Brothers, azienda di abbigliamento maschile. Il club acquistò giocatori di esperienza come l'ex nazionale nipponico Satoshi Tsunami e il difensore Hideaki Mori ma nonostante ciò nella stagione del debutto arrivò solo 15°. Andò ancora peggio nelle annate successive con la squadra che arrivò ultima in classifica per due stagioni di seguito (1997 e 1998). Alla fine della stagione 1998, l'Avispa disputò i play-out ma riuscì a salvarsi. Nel frattempo, l'attaccante Yoshiteru Yamashita e il centrocampista Chikara Fujimoto vennero convocati in nazionale.

Nota: Nessuna squadra veniva retrocessa dalla J. League fino al 1998. Causa fondazione della J. League Divisione 2 nel 1999, i play-out per non retrocedere si disputarono per la prima volta nel 1998.

1999 - 2001 (J1)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1999, la squadra venne rinforzata con l'arrivo di giocatori di esperienza come i nazionali Nobuyuki Kojima e Yasutoshi Miura e lo jugoslavo Nenad Maslovar e riuscì a salvarsi dalla retrocessione per un nonnulla. Nel 2000 vennero acquistati l'argentino David Bisconti e il rumeno Pavel Badea; con loro in squadra, il club ottenne il suo miglior piazzamento nella storia dell'Avispa con un ottimo sesto posto nel secondo stage. Nel 2001, il club acquistò l'ex nazionale coreano Noh Jung-Yoon e Yoshika Matsubara ma arrivò 15° e venne retrocesso in J2.

2002 - 2005 (J2)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2002, il club decise di tenere in squadra i giocatori di esperienza e di acquistare giocatori più giovani come Daisuke Nakaharai e Yoshiteru Yamashita ma la mossa non diede i frutti sperati: il club arrivò soltanto ottavo in campionato (su 10 squadre partecipanti). Nel 2002, ingaggiato il nuovo allenatore Hiroshi Matsuda, si decise di puntare sui giovani talenti che si erano appena diplomati invece di acquistare giocatori di esperienza da altre squadre. La mossa diede ottimi risultati: nella stagione 2003 il club lottò fino all'ultimo per la promozione arrivando alla fine 4°. Nel 2004 il club sfiorò di nuovo la promozione giungendo 3º e qualificandosi agli spareggi ma il Kashiwa Reysol mise fine alle speranze di promozione del club sconfiggendolo sia in casa che in trasferta (2-0 e 2-0). Nel 2005, arrivò secondo e venne promosso in J1. I giocatori dell'Avispa Hokuto Nakamura e Tomokazu Nagira vennero convocati nella nazionale U-20 per disputare i Mondiali U-20 2005 in Olanda.

2006 (J1)[modifica | modifica wikitesto]

Il club venne coinvolto nella lotta per non retrocedere fin dall'inizio della stagione. Arrivò solo 16° e venne retrocesso in J2 dopo gli spareggi contro il Vissel Kobe (0-0 a Kobe, 1-1 a Fukuoka).

2007 - 2010 (J2)[modifica | modifica wikitesto]

La retrocessione portò a Fukuoka un nuovo allenatore, Pierre Littbarski, membro della nazionale tedesca da giocatore ed ex-allenatore del Sydney FC. Dopo una prima stagione abbastanza soddisfacente in cui la squadra arrivò settima, fu licenziato a metà 2008 e rimpiazzato da Yoshiyuki Shinoda, ex giocatore dell'Avispa. Le due stagioni successive furono stagioni di transizione, in cui molti giovani si aggiunsero alla squadra, che rimase a metà classifica sia nel 2008 che nel 2009, posizionandosi rispettivamente ottava e undicesima. Nel 2010, dopo un inizio stentato in cui totalizzò un solo punto nelle prime quindici giornate, l'Avispa fu protagonista di un'ottima stagione che culminò con la promozione in J1 con due giornate di anticipo.

Rosa 2011[modifica | modifica wikitesto]

Rosa aggiornata al 19 maggio 2011

N. Ruolo Giocatore
1 Giappone P Ryuichi Kamiyama
2 Corea del Sud D Kim Min-Jae
3 Giappone D Tatsunori Yamagata
4 Giappone D Takumi Wada
5 Giappone D Makoto Tanaka
6 Giappone D Daiki Niwa
7 Giappone C Kosuke Nakamachi
8 Giappone C Jun Suzuki
9 Giappone A Yutaka Takahashi
10 Giappone C Hisashi Jogo
11 Giappone A Yusuke Tanaka
13 Giappone D Shogo Kobara
14 Giappone C Takuya Matsuura
15 Corea del Sud D Lee Jong-Min
N. Ruolo Giocatore
16 Giappone A Hideya Okamoto
17 Giappone D Kazuki Yamaguchi
18 Giappone A Masato Yoshihara
19 Giappone C Sho Naruoka
20 Giappone D Yosuke Miyaji
21 Giappone C Norihisa Shimizu
22 Giappone C Toshiya Sueyoshi
23 Giappone P Yuji Rokutan
24 Giappone A Kentaro Shigematsu
25 Giappone P Eita Kasagawa
26 Corea del Nord C Son Jeong-Ryun
27 Giappone D Tokio Hatamoto
28 Giappone C Taku Ushinohama

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Anno Serie G Pti V N P Pos Allenatore General Manager
1995 JFL 30 72 24 - 6 Campioni ArgentinaJorge Olguín GiapponeYoshio Kikukawa
1996 J 30 29 9 2(*1) 19 15° GiapponeHidehiko Shimizu
1997 J・1st 16 9 3 - 13 17° ArgentinaCarlos Pachame
J・2nd 16 10 3 1(*2) 12 15°
1998 J・1st 17 7 2 1(*2) 14 18° GiapponeTakaji Mori
J・2nd 17 14 4 1(*3) 12 15°
1999 J1・1st 15 16 4 2(*3) 9 11° GiapponeYoshio Kikukawa
J1・2nd 15 12 3 2(*4) 10 15°
2000 J1・1st 15 15 3 3(*3) 9 14° ArgentinaNestor Omar Piccoli GiapponeYoshio Kikukawa
J1.2nd 15 22 6 3(*5) 6
2001 J1・1st 15 14 4 1(*3) 10 12°
J1・2nd 15 13 3 3(*5) 9 15°
2002 J2 44 42 10 12 22 GiapponeMasataka Imai (Sett. 1-21)
GiapponeTatsuya Mochizuki (Sett. 22-24)
GiapponeShigekazu Nakamura (Sett. 25-44)
2003 44 71 21 8 15 GiapponeHiroshi Matsuda
2004 44 76 23 7 14
2005 44 78 21 15 8
2006 J1 34 27 5 12 17 16° GiapponeHiroshi Matsuda (Week 1-12)
GiapponeRyoichi Kawakatsu (Week 13-34)
2007 J2 48 73 22 7 19 GermaniaPierre Littbarski
2008 42 58 15 13 14 GermaniaPierre Littbarski(Week 1-25)
GiapponeYoshiyuki Shinoda(Week 26-)
  • Nota:
    • (*1)=1 sconfitta ai rigori (1 punto)
    • (*2)=1 vittoria ai rigori (1 punto)
    • (*3)=1 vittoria al Golden Goal (2 punti)
    • (*4)=1 vittoria al Golden Goal e 1 pareggio (totale 3 punti)
    • (*5)=1 vittoria al Golden Goal e 2 pareggi (totale 4 punti)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio