Ave atque vale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ave atque vale (Salute e addio) è una frase di Catullo contenuta nel Carmen CI che egli scrive in memoria del fratello morto, in seguito alla visita alla sua tomba nella Troade durante il viaggio in Bitinia al seguito di Gaio Memmio.
È anche il saluto con cui Seneca conclude le sue lettere destinate all'amico Gaio Lucilio.

Questo detto è anche il titolo di una poesia di Algernon Swinburne, scritta in memoria di Charles Baudelaire.

Pure la scrittrice Rosamund Watson scrisse una poesia dal titolo di Ave Atque Vale, ma in memoria di un amante.

Ha invece il titolo di Frater ave atque vale, sempre tratto da Catullo, un breve componimento scritto da Alfred Tennyson nel 1883 presente nella raccolta Tyresias, and other poems del 1885. Il brano parla dei luoghi in cui visse il poeta latino.

Nella letteratura, cinema e musica[modifica | modifica sorgente]

È la frase di commiato di V, il protagonista del fumetto V for Vendetta di Alan Moore e del film ad esso ispirato.

È, anche, la frase di commiato dei Nephilim (o Shadowhunters), personaggi dei libri di Cassandra Clare Shadowhunters.

È anche una strofa della canzone "Ars Moriendi" del gruppo " Mr Bungle".

È pronunciata nel film Punto di non ritorno dal capitano dell'astronave scientifica Event Horizon, poco prima dell'attivazione del trasferitore gravitazionale.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

lingua latina Portale Lingua latina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di lingua latina