Avahi occidentalis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Licanoto occidentale
Avahi occidentalis.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Strepsirrhini
Infraordine Lemuriformes
Superfamiglia Lemuroidea
Famiglia Indriidae
Genere Avahi
Specie A. occidentalis
Nomenclatura binomiale
Avahi occidentalis
von Lorenz-Liburnau, 1898
Sinonimi

Avahi laniger occidentalis

Il licanoto occidentale (Avahi occidentalis von Lorenz-Liburnau, 1898) è un lemure della famiglia degli Indriidae. Come tutti i lemuri, è endemico del Madagascar.

Inizialmente descritto come specie a sé stante, è stato a lungo considerato una sottospecie di Avahi laniger (A. laniger occidentalis), prima di essere nuovamente elevato al rango di specie: tuttavia, alcuni autori continuano a considerarlo una sottospecie di maki lanoso ed a classificarlo come tale.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La specie è diffusa nella zona nord-occidentale dell'isola, fra i fiumi Betsiboka e Mahajamba.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Misura un'ottantina di cm di lunghezza, per un peso di circa 0,9 kg.

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Il pelo, dall'aspetto lanoso, è grigio-olivastro, coi peli che sono striati di nero, così da dare un effetto simile al pelo dei conigli. La coda e la parte posteriore delle cosce sono giallo zolfo, così come la mascherina su faccia e gola, quest'ultima cerchiata di giallo-ocra. La parti nude del corpo (mani, orecchie, sottocoda, muso e cerchio attorno agli occhi) sono nere, gli occhi sono rossi.
Gli incisivi inferiori, come in tutti gli indridi, sono modificati a formare una sorta di pettine col quale fare il grooming, mentre gli incisivi superiori sono più piccoli rispetto agli altri primati.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di animali notturni, ed arboricoli, che vivono in gruppi dove oltre alla coppia dominante vi sono uno o più cuccioli a diversi stadi di crescita. Se costretti al suolo, si muovono saltellando lateralmente sulle zampe posteriori, come i sifaka.
A causa dello scarso valore energetico del cibo, questi animali sono piuttosto statici e tendono a passare gran parte del tempo riposando fra le foglie, ed è in questi momenti che sono estremamente vulnerabili agli attacchi dei predatori.
A differenza di Avahi laniger, i territori dei vari nuclei familiari si sovrappongono nelle zone di confine, senza peraltro dar luogo ad episodi di tensione o violenza.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Come tutti gli avahi, è una specie strettamente erbivora, che si nutre di foglie: pur condividendo l'habitat col lepilemure di Edwards, le due specie non entrano in competizione per il cibo perché i lepilemuri si alimentano su rami più sottili, irraggiungibili per gli avahi (nonostante essi siano stati avvistati mentre si nutrivano aggrappati a rami di 3 cm di spessore, pur ancorandosi a rami più spessi con le zampe posteriori e la coda); inoltre, gli avahi sono più selettivi nella scelta del cibo, mangiando perlopiù foglie immature e germogli, mentre i lepilemuri sono più generalisti.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]