Avahi meridionalis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Licanoto meridionale
Immagine di Avahi meridionalis mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
(clade) Euarchonta
Ordine Primates
Sottordine Strepsirrhini
Infraordine Lemuriformes
Famiglia Indriidae
Sottofamiglia Indriinae
Genere Avahi
Specie A. meridionalis
Nomenclatura binomiale
Avahi meridionalis
Zaramody et al., 2006

Il licanoto meridionale (Avahi meridionalis Zaramody et al., 2006) è un lemure della famiglia degli Indriidi, endemico del Madagascar. In passato era considerato una popolazione di A. laniger; analisi genetiche e morfologiche hanno recentemente rilevato che si tratta, in realtà, di una specie a sé stante[2]. I locali lo chiamano fotsyfe (che in malgascio significa "zampe bianche").

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

L'areale di questa specie è limitato alle foreste pluviali del Madagascar sud-orientale.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Misura fino a 50 cm, per un peso di circa 1 kg.

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Il pelo è grigio scuro nella zona anteriore del dorso e sulla nuca, grigio chiaro nella zona posteriore, biancastro su ventre, gola e la parte posteriore delle cosce. Sono presenti sfumature color ruggine su orecchie, avambracci, ginocchia, spalle. La coda, più sottile alla radice, è anch'essa color ruggine.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di animali erbivori, notturni ed arboricoli. Hanno un territorio di 2-3 ha.[3]
Gli avahi vivono per lo più in gruppi familiari, con una coppia riproduttrice. La numerosità più comune dei gruppi (moda) è di tre individui (coppia parentale più un piccolo). Si possono, tuttavia, trovare gruppi anche fino a 5 individui (coppia parentale più piccoli di anni diversi).

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Avahi meridionalis si ciba di foglie (adulte, giovani e germogli) e, raramente, di fiori. Può scegliere foglie (con preferenza per quelle giovani, quando disponibili) a più alto contenuto proteico e a più basso contenuto di fibre ed risulta essere l’erbivoro più generalista del genere Avahi, nutrendosi di oltre 40 specie vegetali [4]. Possono condividere il territorio con altri lemuri "foglivori", come nella foresta di Mandena (in cui si trova anche Hapalemur meridionalis).

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La popolazione di Avahi meridionalis si trova solo in frammenti di foresta pluviale litorale (Mandena e Sainte Luce, Madagascar sud-orientale). Più che le dimensioni del frammento è lo stato di degradazione che influisce maggiormente sulla densità della popolazione e sull'incidenza di nuovi nati. La diminuzione di alberi di grandi dimensioni rende più difficile, per questi animali strettamente arboricoli, spostarsi anche da un frammento all'altro e persistere all'interno di una metapopolazione[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Avahi meridionalis in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ Zaramody A., Fausser J.-L., Roos C., Zinner D., Andriaholinirina N., Rabarivola C., Norscia I., Tattersall I., and Rumpler Y, Molecular phylogeny and taxonomic revision of the eastern woolly lemur (Avahi laniger) in Primate Report 2006; 74: 9-22..
  3. ^ Norscia, I., & Borgognini-Tarli, S. M., Ranging behavior and possible correlates of pair-living in Southeastern Avahis (Madagascar). in International Journal of Primatology 2008; 29: 153–171..
  4. ^ Norscia, I. Ramanamanjato, J.B., Ganzhorn, J.U.., Feeding Patterns and Dietary Profile of Nocturnal Southern Woolly Lemurs (Avahi meridionalis) in Southeast Madagascar. in International Journal of Primatology 2011, DOI:10.1007/s10764-011-9562-3.
  5. ^ Norscia, I., Pilot survey of avahi population (woolly lemurs) in littoral forest fragments of southeast Madagascar. in Primates 2008; 49: 85–88..

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]