Autorità Finet

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Autorità Finet fu la terza Alta autorità della Comunità europea del carbone e dell'acciaio. Rimase in carica dal 13 gennaio 1958 al 14 settembre 1959.

Presidente[modifica | modifica sorgente]

Componenti dell'Autorità[modifica | modifica sorgente]

Benché un accordo informale prevedeva che, dei nove membri dell'autorità, ne spettassero due a ciascuno degli stati più grandi della Comunità e uno a ciascuno stato minore, nell'Autorità Mayer c'erano due componenti del Belgio e un solo italiano.

Legenda:   [     ] Sinistra/Socialisti - [     ] Destra/Conservatori - [     ] Liberali

Membro Nazionalità Incarico Competenze
Paul Finet Belgio Belgio Presidente
Dirk Spierenburg Paesi Bassi Paesi Bassi Vicepresidente Acciaio, trasporti, concentrazioni
Albert Coppé Belgio Belgio Vicepresidente Obiettivi generali e politiche di lungo periodo
Franz Blücher[1] Germania Germania Membro
Roger Reynaud Francia Francia Membro
Léon Daum Francia Francia Membro Investimenti e produzione
Enzo Giacchero Italia Italia Membro Problemi sociali
Heinz Potthof Germania Germania Membro Finanza, bilancio ed amministrazione
Albert Wehrer Lussemburgo Lussemburgo Membro Relazioni esterne

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Morto il 26 marzo 1959.
Predecessore Alta Autorità della CECA Successore
Autorità Mayer 13 gennaio 1958 - 14 settembre 1959. Autorità Malvestiti