Autore di Metz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sant'Autore
Braunschweig St. Autor um 1460.jpg

Vescovo

Venerato da Chiesa cattolica, Chiesa cristiana ortodossa
Canonizzazione Pre-canonizzazione
Ricorrenza 9 agosto

Autore o Adintore (... – ...) è stato, secondo la tradizione, il tredicesimo vescovo di Metz, a metà del V secolo.

Era in carica quando Attila s'impadronì di Metz nel 451[1] e martirizzò san Livier[2].

Nel 852 il vescovo Drogo fece trasportare il suo corpo a Marmoutier (Basso Reno), insieme al corpo di san Celeste, il secondo vescovo[1]. Secondo la leggenda, era stata organizzata una processione per mostrare le due reliquie attraverso la città e quella di Autore, più celebre, era stata disposta più avanti, ma si rifiutò di avanzare finché il corteo di Celeste non prese il primo posto[3].

Nel 1525, all'epoca della Guerra dei contadini, i protestanti profanarono la chiesa abbaziale di Marmoutier e mischiarono le ossa di Autore con altre per renderle irriconoscibili[1].

La sua festa si celebra il 9 agosto.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Dictionnaire hagiographique p335, Abbé Pétin 1850
  2. ^ Dictionnaire du département de la Moselle p288, Claude Philippe de Viville 1817
  3. ^ Hippolyte Barbier, Biographie du clergé contemporaine, 1847, p. 400

Controllo di autorità VIAF: 35321076