Automated Teller Machine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un ATM Olivetti.

Gli Automated Teller Machine o ATM sono i sistemi per il prelievo automatico di denaro contante dal proprio conto corrente bancario, attraverso l'uso di una carta di debito nei distributori collegati in rete telematica, anche fuori dagli orari di lavoro degli istituti di credito e in località diverse dalla sede della banca presso cui si intrattiene il rapporto di conto corrente.

In Italia vengono sistematicamente[1], ma impropriamente, chiamati bancomat, dal nome del primo e più grande circuito di prelievo che usa gli ATM.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il primo ATM fu sviluppato dalla società inglese De La Rue e installato a Enfield Town (zona nord di Londra) il 27 giugno 1967 presso la Barclays Bank. In Italia compare nel 1976, a Ferrara: la Cassa di Risparmio di Ferrara fu la prima banca italiana a installarlo. Tuttavia l'invenzione vera e propria è oggetto di controversie addirittura fra tre inventori:

Il modello inaugurato nel 1967 accettava soltanto voucher monouso, che venivano trattenuti dalla macchina. Per rendere più difficili i furti l'apparecchiatura funzionava con diversi principi, tra cui radiazioni e magnetismo a bassa coercitività che veniva rimosso dal voucher in fase di lettura.

Nel 1965 venne sviluppata l'idea del codice numerico di sicurezza (PIN) elaborata dall'ingegnere inglese James Goodfellow, anch'egli titolare di alcuni brevetti in materia.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

In estrema sintesi un ATM è suddiviso in 2 parti:

  • struttura di erogazione;
  • struttura di elaborazione.

La struttura (elettromeccanica) di erogazione è quella che presiede al prelievo e consegna del denaro (oppure alla distribuzione/ricezione di documenti).

La struttura (informatica) di elaborazione è costituita da un computer industriale sul quale è installato un comune sistema operativo (Windows XP è ancora molto diffuso presso gli ATM). Sopra il sistema operativo gira l'applicazione ATM vera e propria: in pratica il programma informatico che interagisce con l'utente e con la rete della banca.

Funzionamento[modifica | modifica wikitesto]

Il sistema sfrutta per l'identificazione del richiedente una tessera plastificata (badge) corredata di una banda magnetica e (solo in quelle più moderne) di un microchip, che il cliente inserisce in un apposito lettore.

La tessera viene attivata digitando sulla tastiera del distributore un codice numerico di sicurezza (PIN), che deve essere mantenuto segreto dal possessore; questo viene criptato e se la stringa criptata corrisponde a quella memorizzata o ricalcolata sul calcolatore centrale l'operazione può essere eseguita, diversamente al terzo tentativo sbagliato la tessera viene catturata dal distributore e il servizio viene cautelativamente sospeso.

Con il servizio è inoltre possibile usufruire di altre operazioni connesse, come il pagamento di bollette, il versamento di contanti e assegni, la lettura del saldo, la stampa degli estratti conto o della lista dei movimenti e ricariche di telefoni cellulari; si possono inoltre effettuare pagamenti negli esercizi commerciali provvisti di POS.

Il servizio, con la relativa tessera, è fornito dalla maggior parte degli istituti bancari e ha costi e modalità di funzionamento variabili a seconda delle condizioni stabilite tra la banca e il cliente. I distributori possono appartenere anche a una banca diversa da quella presso cui il cliente ha il conto. Se il distributore appartiene allo stesso gruppo bancario della banca emittente l'operazione di prelievo è gratuita. Se non lo è, in genere viene addebitata una commissione. Nella maggior parte dei Paesi Europei, la tessera è fornita gratuitamente e i prelievi effettuati presso qualsiasi banca sono anche gratuiti.

Una modalità di attacco è l'installazione abusiva nella parte frontale dello sportello di dispositivi atti a registrare o teletrasmettere i codici contenuti nella banda magnetica delle carte inserite (skimmer) e quelli digitati dall'utilizzatore (mini telecamera). La disponibilità di questi due elementi consente di ricostruire (clonare) una scheda magnetica contraffatta ma pienamente funzionante, con la quale è possibile effettuare prelievi e altre operazioni sino a che l'utente o il sistema antifrodi dell'istituto bancario non provvedano alla sua disabilitazione. Un suggerimento che spesso viene fornito è quello di celare all'atto della composizione il PIN digitato (ad esempio utilizzando la mano libera o un foglio di carta o il portafoglio o altro).

Ottimizzazione della liquidità[modifica | modifica wikitesto]

Un modello semplice e diffuso per calcolare la quantità di contante necessaria per un ATM, è quello utilizzato per una politica di gestione a scorte.

SC = GM + SS = GM + k \cdot \sigma

dove:

  • SC: deposito (scorta) settimanale di contante necessaria a soddisfare le richieste di prelievo;
  • GM: giacenza media settimanale di contante, rilevata giornalmente nel periodo di campionamento;
  • k: variabile distribuita come una normale standard di media 0 e varianza pari a 1, funzione del livello di servizio fissato dal progettista. Vale che k~N(0,1), e che k = k(LS) con LS = [%] a scelta;
  • \sigma: deviazione standard dei prelievi settimanali di contante, misurata nel periodo di riferimento;
  • SS: scorta di sicurezza. La scorta di sicurezza serve a coprire i picchi della domanda, le richieste di prelievi al di sopra della media settimanale.

Il livello di servizio è l'unica variabile sulla quale si può agire. Un livello di servizio alto equivale a dimensionare sul picco della domanda, anziché sul valore medio dei prelievi, e soddisfare tutte le richieste di contante. Questa qualità del servizio aumenta però il costo opportunità legato all'immobilizzo di liquidi, per le somme che la banca deve tenere nello sportello senza poterle prestare o investire.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bancomat, Treccani.it. URL consultato il 1º settembre 2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]