Auto volante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Con il termine Auto volante si intende un'automobile in grado anche di volare. Questo mezzo di trasporto è stato messo in particolare risalto da vari film fantascientifici, come nel caso ad esempio di Chitty Chitty Bang Bang, ma vi sono stati anche molti studi per le sue applicazioni pratiche e più volte è stata annunciata come di imminente commercializzazione.

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

L'Aerobile di Waterman

Da sempre nell'immaginario collettivo come mezzo di trasporto futuristico, l'auto volante nel corso degli anni ha avuto molti interessi da parte della comunità scientifica, soprattutto per la comodità che il mezzo potrebbe avere nella vita di tutti i giorni. Nel corso del XX secolo sono stati diversi i progetti e i prototipi realizzati per far diventare l'auto volante realtà.

Il primo esempio viene fatto risalire al 1917, ad opera di Glenn Curtis. L'Autoplane di Curtis, con scarse capacità di carico, nonostante fosse teoricamente un'opera entusiasmante, non volò mai e il progetto fallì.

Il secondo progetto fu del 1933, per mano dell'U.S. Air Commerce Bureau che istituì un concorso rivolto a tutti i progettisti di aeromobili. Il prototipo più interessante fu l'Aerobile di Waldo Waterman, simile nel funzionamento ad una normale automobile. A causa della Grande depressione che in quegli anni colpì l'intera economia mondiale, il veicolo non fu però mai certificato e di conseguenza anche il secondo tentativo svanì[1].

L'Aerocar di Taylor

Negli anni quaranta, almeno altri tre progetti tentarono di entrare nel mercato. Il primo, nel 1945, riuscì ad ottenere il certificato di volo, ma a causa della pesantezza e della lentezza del veicolo, non fu mai prodotto in serie. Nel 1947 fu progettata la Convaircar, con abitacolo in fibra di vetro che poteva ospitare 4 persone, dotato di ali rimovibili nella parte superiore. Ma durante un test di volo, il veicolo precipitò, uccidendo il pilota. Fu quindi abbandonata anche quell'idea.

Due anni più tardi fu la volta dell'Aerocar di Molt Taylor, una via di mezzo tra un'automobile e una macchina volante. L'auto, certificata, riuscì ad ottenere dal suo produttore un accordo per la produzione di massa, ma le condizioni imposte non permisero al veicolo di essere immesso sul mercato. Ne furono costruiti sei modelli, di cui uno ancora oggi esistente.

Nello stesso periodo, seguente al termine della seconda guerra mondiale, studi vennero fatti anche in altre parti del mondo, ad esempio in Italia venne presentata la Colli PL 2C.

Transition, l'auto volante prodotta da Terrafugia. Il suo debutto sul mercato è promesso per il 2011

Nella prima metà degli anni settanta, la Advance Vehicle Engineers disegnò la Mizar, un ibrido dal costo anche abbordabile per la produzione di massa. Purtroppo anche la Mizar durante un test di volo uccise il pilota e il suo inventore, chiudendo i battenti.

In seguito fu progettata lo Skycar dal Dr. Paul Moller, già in studio dal 1962. Dal 1989 il veicolo ha già effettuato con successo oltre 200 test di volo, e la produzione di massa, peraltro più volte procrastinata, era prevista per il 2012.

L'ultimo progetto è quello di Transition, vettura prodotta dalla Terrafugia, compagnia statunitense fondata nel 2006 da un gruppo di ingegneri del MIT, con lo scopo di produrre esclusivamente automobili volanti. Lunga 570 cm, grazie alle ali ripiegabili, secondo il costruttore, è in grado di completare la trasformazione da auto normale in auto volante in circa 30 secondi, premendo un solo tasto. Così la Terrafugia Transition diventa larga solo 2 m e può trovare posto anche in garage. Può volare per più di 720 km a 185 km/h ed essere guidato su strada a velocità autostradali. Funziona a normale benzina verde. Secondo la stessa compagnia, l'auto dovrebbe uscire sul mercato già dal 2011. Con un costo iniziale di 150.000 dollari, Transition ha già effettuato con successo 29 voli ed è pronta per la fase di sviluppo finale che la porterà a debuttare sul mercato.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) L'Aerobile allo Smithsonian Museum

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]