Auto blu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Con l'espressione auto blu si definisce un automezzo a disposizione di politici o alti funzionari dello Stato o della pubblica amministrazione. La denominazione deriva dal fatto che tali autovetture, specie se appartenenti ad un servizio di scorta, sono dotate di lampeggiante blu di segnalazione (ai sensi dell'art. 177 del Codice della Strada). Secondo altra ipotesi in Italia il colore della carrozzeria usato generalmente per queste automobili è il blu scuro, come in inglese sono spesso definite black cars (auto nere).

Italia[modifica | modifica wikitesto]

In Italia il parco auto della pubblica amministrazione è stato censito in 2 categorie:[1]

  • le auto blu, di rappresentanza, aventi una cilindrata superiore ai 1600 cm³ con o senza autista (circa 6.504)
  • le auto grigie, operative, di cilindrata inferiore ai 1600 cm³ con o senza autista (circa 50.077)

In questa suddivisione sono escluse tutte le autovetture a scopo di sicurezza e difesa (circa 66.000).[2]

Il veicolo può essere di proprietà, in leasing o in noleggio a Stato (1681), Regioni (2 100), Province (3 700), Comuni (25 300), Aziende sanitarie (18 800), enti pubblici (1 100), università pubbliche (900) o altre amministrazioni locali (7 700).[1]

Nel 2011 la spesa annua è stata di 1,1 miliardi di euro, di cui 561 milioni per le auto blu e 485 milioni per le auto grigie.[3] Nel 2012 la spesa annua è stata di 1,05 miliardi di euro, di cui cui 400 milioni per le auto blu e 539 milioni per le auto grigie. Di questi 645 milioni sono stati spesi per il personale, 146 milioni tra assicurazioni, carburante e manutenzione, 56 milioni per il noleggio e 18 per l'acquisto di nuove autovetture.[4]

Nel 2014 il neo-presidente del consiglio Matteo Renzi dichiara di voler vendere 1500 auto blu tramite il noto sito di aste online ebay, al pari della manovra fatta in qualità di sindaco di Firenze[5].

Regno Unito[modifica | modifica wikitesto]

Nel Regno Unito dal 1997 al 2012 la Government Car and Despatch Agency si occupava della gestione del parco auto della pubblica amministrazione, funzione che poi è tornata al Department for Transport.[6] Nel 2008 questa agenzia era finita al centro di uno scandalo riguardante 2,7 milioni di sterline spesi per l'affitto di limousine utilizzate per il trasporto di ministri e dirigenti del governo.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Principali risultati del monitoraggio dei costi, Dipartimento per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione, agosto 2012. URL consultato l'11 marzo 2013.
  2. ^ Decreto auto blu, Dipartimento per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione, 3 agosto 2011. URL consultato l'11 marzo 2013.
  3. ^ Auto pubbliche nel 2012, Dipartimento per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione, 16 febbraio 2013. URL consultato l'11 marzo 2013.
  4. ^ Auto PA, oltre un miliardo di euro i costi nel 2012, -26% rispetto al 2009, 5 settembre 2013. URL consultato il 3 ottobre 2013.
  5. ^ Asta auto, e Renzi disse: «Venghino siori», Nuova Iniziativa Editoriale S.p.A., 12 marzo 2014. URL consultato il 27 marzo 2014.
  6. ^ (EN) Records of the Government Car and Despatch Agency, The National Archives. URL consultato l'11 marzo 2013.
  7. ^ (EN) 21 companies paid £2.7m to run secret limousines for Ministers in Daily Mail, 2 marzo 2008. URL consultato l'11 marzo 2013.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]