Aurora Karamzin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ritratto di Aurora Karamzin, di Karl Pavlovič Brjullov, 1837.

Eva Aurora Charlotte Stjernvall (Pori, 1 agosto 1808Helsinki, 13 maggio 1902) è stata una nobildonna svedese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque durante la guerra di Finlandia, figlia di Carl Johan Shernval e di Eve von Willebrand, che appartenevano alla nobiltà svedese che si era trasferita in Granducato di Finlandia.

Lei e sua sorella Emily furono tra le bellezze di San Pietroburgo. Divenne dama d'onore dell'imperatrice Alexandra e dama dell'Ordine di Santa Caterina.

Matrimoni[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1836, si sposò con Pavel Nikolaevič Demidov (17 agosto 1798–5 aprile 1840), un rappresentante di una delle famiglie più ricche di San Pietroburgo. Ebbero un figlio:

Alla morte del marito, avvenuta nel 1840, sposò, questa volta per amore, Andreij Nikolaevič Karamzin, figlio dello storico Nikolaj Michajlovič Karamzin. Nel 1854, Andrei venne ucciso durante la guerra di Crimea.

Dopo la morte del suo secondo marito, usò la sua immensa ricchezza, ereditata dal suo primo marito, per la realizzazione di istituzioni benefiche a Helsinki. Lei era un grande benefattrice in molte città come San Pietroburgo e Firenze.

Fondò l'Istituto delle Suore della Misericordia a Helsinki.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Morì il 13 maggio 1902, all'età di 93 anni, a Helsinki.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]